energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Messa in sicurezza del Serchio: affidato il secondo lotto dei lavori Ambiente

Gli interventi del secondo lotto dei lavori di messa in sicurezza del Fiume Serchio riguardano il completamento statico e geometrico degli argini del fiume sia in destra sia in sinistra idraulica nel tratto compreso tra Sant'Anna (Lucca) e il confine con la Provincia di Pisa. In destra idraulica da Santa Maria a Colle a Nozzano, in sinistra idraulica da Nave fino a Cerasomma. Inoltre la realizzazione di un nuovo impianto idrovoro sul Rio Freddanella e la riqualificazione ambientale delle zone interessate dall'intervento: in particolare un percorso ciclopedonale che collega i centri abitati di Nozzano e Santa Maria a Colle con l'area del fiume Serchio, un parco presso le cateratte di Cerasomma, una mitigazione dell'impatto dell'idrovora sul rio Freddanella attraverso l'inserimento di verde e alberi.
Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli, il dirigente servizio Difesa del Suolo Gennario Costabile e i rappresentanti dell'impresa appaltatrice dei lavori e il Comitato dell'Oltreserchio.
I lavori ammontano ad un totale di 4 milioni e 235mila euro oltre a 110mila euro per oneri sulla sicurezza e riguardano interventi sia in sinistra che in destra idraulica. In alcuni casi verranno impiegate le stesse tecniche di intervento utilizzate per la realizzazione dell'argine a monte del fiume a seguito dell'alluvione del 25 dicembre 2009. Sarà la Del Debbio-Cipriano Costruzioni S.p.a., come associazione temporanea di imprese, a svolgere i lavori.

Le dichiarazioni
“Una infrastruttura – ha dichiarato il presidente Stefano Baccelli – con la quale completiamo una serie di interventi fondamentali per la protezione dei cittadini. Si tratta di lavori di rinforzo che interessano nell'insieme l'adeguamento strutturale dell'intero corso d'acqua. Un passo avanti per la sicurezza del nostro territorio e per ridurre il rischio idrogeologico, divenuto ormai, di preoccupante attualità. Inoltre, ogni intervento, compreso quello della nuova idrovora sul Rio Freddanella, viene messo in atto nel rispetto dell'ambiente e con un attenzione particolare alla riqualificazione delle aree interessate dai lavori.”
"Con quest'opera si aggiunge – ha dichiarato l'assessore regionale all'Ambiente Anna Rita Bramerini – un altro tassello all'importante opera per il miglioramento della gestione idraulica e del rischio nel bacino del Serchio. Anche questi interventi testimoniano il costante e capillare impegno della Regione Toscana nella prevenzione idraulica".

Il quadro generale degli interventi
Sul Serchio, nel marzo scorso, si è concluso il primo lotto di lavori per un importo di 4,6 milioni di euro. Si tratta di una serie di interventi di messa in sicurezza sulla destra idraulica da Ponte San Pietro fino a sud della confluenza con il torrente Contesora, c che hanno riguardato, sulla sinistra idraulica, circa 350 metri di argine a valle del ponte dell'autostrada. Il 3 dicembre scorso sono stati inaugurati i lavori terminati sul Contesora, un intervento iniziato nel luglio 2010 che ha richiesto un investimento di circa 3 milioni di euro. Oltre a questi interventi, la Provincia già dal 2010 ha in corso una manutenzione straordinaria sul l’alveo e alle golene del Serchio con il taglio selettivo delle piante ed la riprofilatura della sezione idraulica, grazie all'asportazione del materiale depositato in modo da facilitare il deflusso delle acque. Questo intervento tende comunque a mantenere le caratteristiche ambientali del fiume che crea spontaneamente un equilibrio nella sua portata grazie alla morfologia, alle pendenze, alla velocità e alla tipologia del materiale che costituisce l'alveo.
Altri interventi, messi in campo dalla Provincia di Lucca per la Difesa del suolo, anche con fondi propri, hanno riguardato il Torrente Freddana dove è stata  realizzata  una  cassa di espansione, costata 2 milioni e 235mila euro.
E’ attualmente in corso l’intervento sull’argine sinistro della Gora di Stiava (Massarosa),  dall’area SALOV fino all’area della ditta Sammontana (opera dal costo di 410mila euro). Sono in via di completamento gli interventi di messa in sicurezza ed adeguamento idraulico del Torrente Guappero (finanziati per 600mila euro) e del Torrente Fraga (Capannori) per un importo di circa 250mila euro.

Foto http://vecchianounpaese.blogspot.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »