energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Migranti somali in aiuto della Maremma Notizie dalla toscana

Rientrati nel piano d’accoglienza della Regione, sono stati destinati al Comune di Scarlino ed oggi lavorano a Cala Violina, una delle più belle spiagge maremmane. Sulem e Adbi, due ragazzi somali, sono arrivati dalla Libia su un gommone sbarcato a Lampedusa a maggio. Hanno trovato il loro attuale impiego grazie al piano d’integrazione messo in pratica dai Comuni grossetani che hanno accolto i rifugiati politici arrivati dalla Libia a primavera. Per loro si tratta di uno stage senza retribuzione, così come prevede la legge. Ai due ragazzi somali sono stati assegnati il compito di tenere pulite la spiaggia e l’area verde di Cala Violina, nonché di sorvegliare il parcheggio per le auto dei turisti. Sono in tutto 26 i rifugiati provenienti da Lampedusa che sono stati impiegati, a vario titolo, dai comuni di Follonica e Scarlino. Nella frazione del Puntone, ad esempio, è stato allestito un campo vicino alla spiaggia dove vengono allevati degli asini, ed a questo progetto sono stati assegnati Haiti, Hashi e Khairi, altri tre rifugiati di Lampedusa. Allo stabilimento balneare Tangram di Follinica, attrezzato per ospitare persone disabili, lavora invece Jeffrye, che accompagna le persone diversamente abili a fare il bagno. Tutti i migranti, per la maggior parte somali, infine, seguono un corso di italiano offerto della Società della Salute, soggetto di riferimento nell’accoglienza, e dalle altre associazioni di volontariato che si sono rese disponibili. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »