energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Misure anti-Covid, Giani loda la responsabilità dei toscani Cronaca

Firenze – Soddisfazione per la responsabilità che hanno mostrato i toscani nel far fronte alla seconda ondata della pandemia, un comportamento virtuoso che ha fatto sì che oggi la Toscana presenti dati migliori rispetto anche ad altre regioni. E’ il momento ora di prepararsi a una campagna vaccinale il cui successo potrà permettere di tornare alla normalità.

Nel consueto incontro con la stampa per gli auguri per le festività, il presidente della Regione Eugenio Giani ha messo in evidenza il lavoro fatto per gestire l’emergenza che dal momento del suo ingresso a palazzo Strozzi Sagrati era entrata in una spirale di crescita esponenziale di contagi e di vittime del coronavirus.

Il 27 dicembre alle 8, secondo le nuove indicazioni arrivate dall’Esercito, arriveranno alla Piastra di Careggi le prime 620 dosi di vaccino che verranno smistate a 13 strutture sanitarie toscane (una per provincia e tre nel territorio fiorentino più nella prima Rsa, quella di Montedomini Firenze): “Per quanto mi riguarda – ha aggiunto Giani – io mi vaccinerò, ma più tardi quando lo avranno fatto i sanitari e le categorie a rischio”. In totale la prima fase di vaccinazioni prevede l’arrivo di 116.240 dosi entro la fine di gennaio: “Il 2021 dovrà essere l’anno della sconfitta del Covid”, ha detto Giani.

Nell’incontro con i giornalisti il governatore toscano ha accennato anche all’approvazione del bilancio da parte del Consiglio regionale, la sua “prima manovra”. In particolare Giani ha lodato l’atteggiamento “costruttivo delle opposizioni”. Per quanto riguarda le risorse del Next generation EU, la Regione punta su progetti legati all’economia verde, l’innovazione e la digitalizzazione, nonché le infrastrutture e la formazione e il mercato del lavoro. Giani ha chiesto al governo più impegno nell’investimento nella sanità.

Foto: Eugenio Giani

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »