energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Moda all’Università Cultura

Si è aperta ieri – scaramanticamente – 12 dicembre 2012 a Palazzo Panciatichi, a cura di Isabella Bigazzi, la mostra dello specifico Corso di Laurea sulla moda dell’Università di Firenze, la quale, a detta dei docenti,  non rinuncia in nessun modo a coltivare la speranza e il desiderio esplicito di ricostituire,  un Corso di Laurea triennale dedicato alla moda e all’accessorio che col 2012 invece si conclude. Dopo la dismissione dei Corsi di Laurea in Progettazione della moda (Facoltà di Architettura) e di Cultura e stilismo della moda (Facoltà di Lettere e Filosofia), era nato, nell’anno accademico 2008/2009, il Corso di Laurea triennale Interfacoltà in Cultura e progettazione della moda (Facoltà Architettura e di Lettere e Filosofia). Ormai, però, del glorioso passato della moda all’Università di Firenze, non resta che il terzo anno (ancora attivo) di quest’ultimo Corso di Laurea ed un master di prossima attivazione (Advanced Fashion Strategic Design and Management). Studenti e docenti hanno allora deciso di “mettersi in mostra” in occasione della Festa della Toscana, esponendo a Palazzo Panciatichi di via Cavour 4 – sede del Consiglio regionale della Toscana – i lavori realizzati nei laboratori che si sono succeduti nel corso dei vari anni accademici. Come ha spiegato la docente responsabile del progetto, “bisogna riprendere il percorso formativo prima di arrivare all’alta formazione di un master. Ci vogliono studio e cultura. Bisogna che ci riprendiamo le radici culturali”. L’iniziativa  è stata presentata al pubblico nella Sala Gigli, oltre che da Isabella Bigazzi, da Marco Carraresi, consigliere segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Toscana, e da Alessandro Ubertazzi, presidente del Corso di Laurea in Cultura e progettazione della moda. Siamo andati a vedere alcuni fra i lavori più significativi prodotti dagli attuali studenti e dai laureati in Moda dell’Ateneo fiorentino, esposti fino al 19 dicembre.

Moda_allUniversità,_particolare2.JPGL’intelligente allestimento, prevede un percorso fra i settori della moda, dall’abbigliamento al costume, dall’oreficeria al tessuto. Sono presenti anche gli accessori con scarpe e borse dalle linee molto trendy. Gli abiti più fascinosi sono quelli da sera classici, come il lungo e fasciante vestito scollatissimo in casentino nero, oppure il tubino bianco in lana senza maniche con cucitura a rosa; mentre i più azzardati ricordano gli indumenti indossati da dark ladies con gli occhi a mandorla, o l’eccentrico bustino appuntito di Madonna. Abbiamo parlato con Virginia Galli, la studentessa abile autrice dell’abito bianco, che ha concluso la Laurea e che giustamente ha dichiarato: “tra Università e mondo del lavoro qui in Italia c’è un enorme distanza, usciamo da qui senza una esperienza e una conoscenza di come realmente funziona il mondo della moda”. La mostra, che rimarrà aperta al pubblico dalle ore 14.00 alle ore 18.00 dal lunedì al venerdì, è a ingresso gratuito. Per accedere a Palazzo Panciatichi è necessario soltanto essere muniti di un documento di identità da depositare presso la Portineria.

Nelle immagini, gentilmente concesse dal Corso di Laurea in Cultura e progettazione della moda, un particolare delle scarpe realizzare da Sara Staderini, nonchè un particolare del tubino bianco realizzato da Virginia Galli.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »