energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Montepescali in festa, ecco il presepe monumentale 2018 Foto del giorno, Notizie dalla toscana

Montepescali –  Grande festa a Montepescali, il paese della Maremma arroccato su un colle a pochi chilometri da Grosseto.  Due eventi sono stati celebrati nella giornata dell’Immacolata con la presenza del vescovo Rodolfo Cetoloni e con la partecipazione dell’intera comunità dell’antico borgo medievale.

Nella antica pieve di San Niccolò è tornata a splendere la pala di Matteo di Giovanni, pittore quattrocentesco concittadino di Piero della Francesca, uno dei più interessanti esponenti della pittura senese molto apprezzato da Papa Pio II Piccolomini.

 

Il dipinto, che  raffigura la Madonna con il Bambino e Santi fra i quali il patrono della Maremma San Guglielmo, era stato staccato nel periodo in cui la chiesa è stata sottoposta a un importante restauro conservativo. La storia della pala è stata illustrata dallo storico della Soprintendenza di Siena Paolo Torchio.

Il ritorno di una delle principali attrazioni turistiche di Montepescali è stato festeggiato con un concerto del Coro dei Concordi di Roccastrada che ha eseguito brani classici e contemporanei sotto la direzione del maestro Alessio Pagliai. 

 

Nella cosiddetta chiesa di sotto dedicata ai santi Stefano e Lorenzo è stato inaugurato il presepe 2018. Ogni anno il circolo culturale del paese con i parrocchiani guidati dal parroco don Giorgio Nencini e da Fabiana Paladini allestiscono nell’abside della chiesa il più grande ed elaborato presepe della Maremma. Tema di quest’anno il mare e il bambinello che nasce in una grande ostrica, “come una perla frutto della sofferenza che porta fede e bellezza”.

 

Grande novità quest’anno la trasformazione del paese in un “presepe diffuso”: ogni famiglia ha trasformato ingressi, corti, finestre in altrettante rappresentazioni della nascita di Gesù. Per i bambini viene raccontata per immagini anche la storia della befana, la strega sulla scopa che porta i regali. Per inciso, il paese ha festeggiato anche la riapertura del ristorante storico chiamato da tutti “l’appalto”, perché vendeva anche i tabacchi, fondato da Roberto Cipriani. Ora è negozio, bar e ristorante. Un sollievo per la comunità che ha visto sparire uno a uno tutti i negozi e i servizi.

 

Foto: il presepe, il Coro dei Concordi, il vescovo Rodolfo Cetoloni e don Giorgio Nencini, personaggi del presepe diffuso

Print Friendly, PDF & Email

Translate »