energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vecchioni: Italia Futura ai blocchi di partenza Politica

Lui, laureato in Scienze Agrarie a Firenze e manager del settore agricolo, è stato per giorni in predicato di divenire il nuovo Ministro dell’Agricoltura nel governo tecnico guidato dal professor Monti.
Il rapporto tra Vecchioni e Montezemolo è nato quando l’uno era presidente di Confagricoltura e l’altro di Confindustria,due tra le associazioni di categoria alla base del lavoro italiano: “C’era meno crisi rispetto ad ora – racconta Vecchioni in un'intervista al direttore di Rtv38 Francesco Selvi – il rapporto professionale tra noi due ci ha portato poi ad avere stima reciproca e in quell’occasione abbiamo condiviso un lavoro con il Governo di allora, talvolta scontrandoci, ma in un reciproco rispetto tra la rappresentanza per come l’abbiamo interpretata io e il presidente Montezemolo e chi ha il mandato dei cittadini. La crisi del sistema politico di oggi – dice ancora Vecchioni – ha in parte pervaso anche la rappresentanza perché la mancanza di risposte politiche può incidere sulle imprese che invece chiedono sempre più rappresentanza e quindi è giusto tornare a livelli intermedi come è già avvenuto nel 1992”.  Non facciamo politica, produciamo idee. Questo lo slogan del movimento di Luca Cordero di Montezemolo, un movimento che pare però destinato a scendere a breve o medio periodo nell’agone politico: “In questo momento l’Italia attraverso un momento delicato e impegnativo – dice Vecchioni – con un nuovo Governo che anche noi auspicavamo sotto il profilo degli interessi nazionali. Italia Futura aveva chiesto alle parti sociali e ai partiti di fare una riflessione sulla necessità di attivare alcune riforme urgenti, non solo per venire incontro alla lettera della Bce, ma soprattutto per dare al nostro paese una credibilità internazionale che rischiava di compromettere l’economia italiana. Questo è avvenuto più o meno rapidamente grazie al ruolo del  Presidente Napolitano, oggi esiste questo Governo con alcune priorità, molte delle quali sono quelle che Italia Futura aveva richiesto. In questo momento quindi vogliamo sostenere il Governo Monti anche se non smetteremo di incalzarlo con nuove proposte come ad esempio una nuova legge elettorale”. Ma riuscirà Monti ad arrivare a quella data? “Dipenderà molto da come le due formazioni più grandi sosterranno questo esecutivo. Ci potranno essere dei cambiamenti quando,  avvicinandosi la scadenza elettorale e rischiando di perdere consensi potrebbero fare scelte diverse. Se ci sarà la responsabilità di scollegare l’interesse sul consenso con l’interesse del paese si arriverà al 2013, altrimenti il momento elettorale prevarrà e prevarranno scelte differenti in Parlamento”. Per chi fa o pensa di fare politica in Toscana è impossibile non imbattersi in Matteo Renzi, secondo Federico Vecchioni il Sindaco di Firenze è “un grande innovatore all’interno della sua realtà, del Partito Democratico, ha la capacità di percepire la necessità di cambiare”. Ma potrebbe essere un partner per il futuro? “E’difficile oggi dire dove sarà Renzi e dove sarà Italia Futura – dice Vecchioni. Un plauso anche al lavoro del Governatore Rossi per la sua volontàdi far cambiar passo alla Toscana, regione forse un po’ troppo “statica” in passato, “ma stiamo perdendo troppe unità produttive – dice – e in questo senso serve il lavoro della politica”.

Nicola Vasai

Foto: Federico Vecchioni,  www.italiaatavola.it

 


 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »