energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Morti sul lavoro, da gennaio a novembre oltre 91 vittime al mese Breaking news, Cronaca

Firenze – Da gennaio a novembre 2022 sono 1.006,  i lavoratori che hanno perso la vita sul suolo nazionale, con una media di oltre 91 vittime al mese. Numeri da brivido: oltre 22 decessi alla settimana e almeno 3 infortuni mortali al giorno. Gli infortuni mortali sono 722, mentre 284 sono in itinere, in crescita, questi ultimi, del 21,4% rispetto allo scorso anno, quando era ancora assai diffuso lo smart working.

Nel periodo gennaio-novembre 2021 invece i decessi totali sono stati 1.116 , ma il decremento di mortalità è purtroppo solo apparente. Infatti, spiega l’Osservatorio Sicurezza Vega, “ricordiamo come quest’anno siano quasi sparite le vittime sul lavoro correlate al Covid (10 su 909 secondo le stime degli ultimi dati disponibili di fine ottobre 2022). Lo scorso anno, invece, costituivano tragicamente oltre un quarto dei decessi sul lavoro (282 su 1017). Ciò significa che gli infortuni mortali “non Covid” sono cresciuti del 22% passando dai 735 di fine novembre 2021 agli 899 del 2022. Quest’ultimo dato è del tutto analogo a quello del 2019, epoca pre-covid, a dimostrazione che il tragico fenomeno delle morti sul lavoro sostanzialmente non subisce diminuzioni da anni. Questo a conferma del fatto che passata l’emergenza Covid, rimane quindi ancora tragicamente purtroppo quella dell’insicurezza sul lavoro. E l’unica arma per contrastarla è la prevenzione attraverso la formazione e l’aggiornamento di tutte le figure coinvolte nell’organizzazione aziendale: dal datore di lavoro ai dirigenti, fino ai preposti e ovviamente ai lavoratori”.

Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, lancia un nuovo allarme.  “Auspichiamo che i nostri studi e approfondimenti possano rappresentare uno strumento efficace sul fronte della prevenzione degli infortuni sul lavoro – prosegue Mauro Rossato – L’obiettivo della diffusione di questi dati, infatti, è quello di spingere tutti coloro che si occupano di tutelare la salute dei lavoratori a riflettere e a rispondere quanto prima in modo efficace a questa strage”.

Secondo quanto reso noto dall’Osservatorio, le denunce totali di infortuni sono cresciute del 29,8% rispetto al 2021, arrivando a quota 652.002. Il settore della Sanità è sempre in testa alla graduatoria degli infortuni in occasione di lavoro (80.256 denunce). A seguire: Attività Manifatturiere (70.483) e Trasporti (51.583). “Importante in questi dati – sottolineano gli oasservatori – anche la lettura sull’evoluzione delle denunce totali di infortunio per Covid: a fine ottobre 2021 erano 36.821, mentre a fine ottobre 2022 sono diventate 107.602. Praticamente sono triplicate, dimostrando che il virus è divenuto molto meno mortale ma è ancora largamente presente nei luoghi di lavoro”.

Per l’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre, è il rischio reale di morte dei lavoratori, regione per regione e provincia per provincia, come l’indice di incidenza della mortalità, cioè il rapporto degli infortuni mortali rispetto alla popolazione lavorativa regionale e provinciale, la cui media in Italia nei primi undici mesi dell’anno è di 32 decessi ogni milione di occupati. “Questo indice, un vero e proprio “indicatore di rischio di morte sul lavoro”, consente di confrontare il fenomeno infortunistico anche tra regioni con un numero di lavoratori diverso”.

Sulla base dell’incidenza degli infortuni mortali, l’Osservatorio Vega definisce mensilmente la zonizzazione del rischio di morte per i lavoratori del nostro Paese che viene così descritto – alla stregua della pandemia – dividendo l’Italia a colori.

A finire in zona rossa alla fine dei primi undici mesi del 2022, con un’incidenza superiore a +25% rispetto alla media nazionale (Im=Indice incidenza medio, pari a 32 morti sul lavoro ogni milione di lavoratori) sono: Valle D’Aosta, Trentino-Alto Adige, Basilicata, Campania e Calabria. In zona arancione: Puglia, Umbria, Marche, Sicilia, Piemonte, Toscana e Veneto.

In zona gialla, cioè sotto la media nazionale: Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria, Emilia Romagna, Sardegna e Lombardia.

In zona bianca, ossia la zona in cui l’incidenza delle morti sul lavoro è la più bassa: Friuli-Venezia Giulia.

In un’analisi più dettagliata degli infortuni, si scopre che gli stranieri deceduti in occasione di lavoro sono 132, cioè oltre il 18,3% del totale. L’analisi sull’incidenza infortunistica svela che gli stranieri hanno un rischio di morte sul lavoro più che doppio rispetto agli italiani. Gli stranieri infatti registrano 58,5 morti ogni milione di occupati, contro 29,1 italiani che perdono la vita durante il lavoro ogni milione di occupati.

In cima alla graduatoria con il maggior numero di vittime in occasione di lavoro è, come naturale a livello statistico, la regione con la più alta popolazione lavorativa d’Italia, cioè la Lombardia (115) che, per contro presenta un’incidenza di infortuni mortali al di sotto della media nazionale, collocandosi così in “zona gialla”. A seguire: Veneto (68), Campania (65), Lazio (62), Piemonte (59), Emilia Romagna (53), Toscana (51), Puglia (48), Sicilia (47), Trentino-Alto Adige (29), Marche (23), Calabria (21), Liguria (16), Sardegna e Abruzzo (15), Umbria (14), Basilicata (10), Valle D’Aosta (6), Molise (3) e Friuli-Venezia Giulia (2).

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »