energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Morto Gilbert Lebigre, grande artista delle macchine del Carnevale Cultura

Viareggio – Il Carnevale e la Città di Viareggio piangono la scomparsa di Gilbert Lebigre, grande Artista di fama internazionale che ha contribuito con le sue opere a far conoscere l’arte della cartapesta in tutto il mondo. Gilbert Lebigre aveva 63 anni e lavorava per il Carnevale dal 1980. Ha firmato le sue macchine allegoriche sempre in coppia con la moglie Corinne Roger. Dal 2004 al 2007 lavorano con il decano dei costruttori Arnaldo Galli. Poi nella realizzazione delle opere hanno coinvolto tutta la famiglia con i tre figli Elodie, Sebastian e Benjamin. Attorno a quella che era la “Compagnia del Carnevale” si era creato un gruppo di appassionati che animava le costruzioni con passione. Ha vinto il Carnevale di Viareggio tre volte. Nel 1988 con il bellissimo carro “Madonna Ciccone un successo da leone”, nel 2004 con il rivoluzionario “Scusate se ci divertiamo, balla che ti passa” e nel 2012 con la divertente satira di “Santo subito”, numerosi i secondi e terzi posti.

L’incontro tra il mondo del Carnevale di Viareggio e l’artista Gilbert Lebigre arriva quasi per caso, proprio come succede nelle più belle storie d’amore. A fine anni Settanta Gilbert partecipa ad un seminario della cartapesta tenuto dai costruttori Silvano Avanzini e Raffaello Giunta. La prima opera firmata con la compagna, poi moglie, Corinne Roger, sfila al Carnevale 1980. E’ la mascherata in gruppo, fuori concorso, dal titolo “Inquinamento o morte”. L’anno successivo realizza, in coppia con Corinne, come farà sempre nella sua lunga carriera artistica, la mascherata “Le colonne dell’avvenire”, una satira sul mondo amministrato da orridi vecchi.

Nel 1982 realizza il suo primo carro allegorico. Gareggia nella seconda categoria ed è a un passo dalla vittoria con “Il trionfo della legge del menga”: secondo premio. Fin dalla realizzazione della prima macchina allegorica Gilbert Lebigre dimostra subito le proprie straordinarie capacità e la volontà di stravolgere e rivoluzionare il senso allegorico e l’impianto scenografico del carro.

Nei tre anni successivi Gilbert Lebigre e Corinne Roger vincono sempre. Nel 1983 realizzano “I 4 mori”. E’ il trionfo del Carnevale che balza slanciato su un piedistallo a forma di mondo sorridente. Attorno i simboli dei poteri ecclesiatico, militare, burocratico e mafioso, incatenati, sconfitti. Un carro che spiccava per “originalità e reinvenzione poetica della maschera” scrisse la giuria. E’ il mondo di Fellini il motivo ispiratore del carro dedicato al regista che vinse in seconda categoria nel 1984. I giurati rimasero estasiati dalla macchina allegorica “Il sogno di Fellini” che spiccava per “eleganza di forme”. Terza vittoria consecutiva nel 1985 con “Futuro prossimo venturo”, costruzione che guadava lontano, alla elaborazione elettronica e che confermava la voglia di sperimentare e osare di Gilbert Lebigre.

Gli ottimi piazzamenti consentono alla coppia Lebigre e Roger di passare di categoria e debuttare nel 1986 tra le costruzioni maggiori. Il loro “Grande valzer” è in inno alla pace, alla bellezza delle differenze. Un gran ballo con altissime figure intere in cartapesta che ruotano come in un gran valzer contro il razzismo. La costruzione vince il terzo premio. Il mondo notturno e i suoi vizi sono scelti da Gilbert e Corinne per il carro “Giungla di mezzanotte” del 1987.

Nel 2009 inaugurano una trilogia che ironicamente chiamano “Trilogia della ruggine”. Il primo carro è “Quelli che ben pensano per gli altri”. Una fine satira, intelligente e spietata contro la omologazione, secondo premio. Terzo posto nel 2010 con la satira politica dal titolo “Padroni a casa nostra, la soluzione finale”. L’ipocrisia di vizi privati e pubbliche virtù irrompono nel carro “Viaruggine l’antiruggine autobloccante” del 2011. Una satira divertente, graffiante, perfettamente riuscita fa vincere alla coppia Gilbert Lebigre e Corinne Roger il primo premio nel 2012

Il “Santo subito” celebrato dalla schiera di alti cardinali dalle sembianze dei leader internazionali è Berlusconi. La capacità di innovare, sorprendere e coinvolgere porta Gilbert Lebigre a creare la costruzione musicale “Fuck the Austerity Jazz Band” del 2013. Mentre nel 2014 e nel 2015 la coppia Gilbert Lebigre e Corinne Roger si classifica al secondo posto con due bellissimi carri:  “Hysteria, Italia in ultima analisi”, in cui il Belpaese è una paziente in preda a una crisi di nervi, che si sottopone a un’intensa seduta psicoanalitica parascientifica, e “Il grande freddo”. In questo bellissimo carro, le cui immagini sono state pubblicate dalle più importanti testate giornalistiche del mondo, viene raccontata una insolita nuova era glaciale con i governi e le potenze economiche che si scaldano sulle braci accese del globo. Nel 2016 invece la satira è tutta per Matteo Salvini.

La sua arte ha varcato tutti gli oceani. Per lunghissimi anni ha collaborato con la Fincantieri per la realizzazione di sculture monumentali installate sulle grandi navi da crociera della Holland  America. Tra le più significative un complesso astrolabio artistico di altezza e proporzioni incredibili realizzato con meccanismi di precisione tutti fabbricati a mano e decorato l’astrolabio con raffinatissime tecniche risalenti al Seicento.  E’ strato direttore artistico di grani manifestazioni in tutto il mondo dalla Spagna, alla Francia, alla Cina, alla Corea, tra cui ricordiamo solo l’ultima in ordine di tempo il primo evento carnevalesco nella città di Gapyeong.

La sua profonda umanità lo aveva recentemente portato in cattedra in Danimarca, una cosa di cui andava fiero ed orgoglioso, per aiutare una classe di ragazzi diversamente abili l’arte. Un corso per aiutare questi ragazzi a superare ognuno i propri problemi attraverso l’arte.

Foto: Santo Subito di Legrine, 2012

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »