energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mostra: il messaggio musicale e poetico di Alfredo Pirri Cultura

Le presenze fiorentine di Alfredo Pirri fra il 2015 e il 2016 sono state molto  importanti  per la città, non solo per l’altissima  qualità dell’Artista , ma perché hanno contribuito  a sfatare  la vox publica di Firenze “città del Rinascimento” e del tutto irrilevante per l’arte contemporanea.

La prima  è stata la straordinaria installazione  al museo del Novecento , nell’ex conservatorio delle Leopoldine,  del settembre 2015, I Passi , di cui abbiamo dato notizia  in questa  stessa testata .

L’altro evento, espositivo, si è svolto alla galleria d’arte di Eduardo Secci (agosto- ottobre 2015) , una mostra di grande  spessore, che ha ripercorso i molteplici itinerari, tecnici e poetici , dell’ Artista di questi anni.

L’ultima mostra  in ordine di tempo è  stata inaugurata sabato scorso nella storica Galleria Il Ponte di Andrea Alibrandi . Ed è a questa ultima che vogliamo parlare.

Entrare nel biancore delle pareti della galleria, che lasciano sempre le opere respirare perché mai affollate,  è già di per sé uno stacco dalla realtà circostante. In questo caso si è accolti da un’atmosfera luminosa e rosata, perché il rosa è il colore prevalente della sala con i grandi quadri  di Pirri , in plexiglass traforati e circoscritti da sfere rosate come occhi di bambini.

Ma il paragone non è  gratuito  né casuale. Infatti  qui entriamo nel cuore dell’ispirazione dell’artista il quale s’inspira, appunto, al  Kindertotenlieder di  Gustav Mahler, a sua volta derivato dalle poesie di Friederich  Ruckert, poeta romantico che le aveva composte per i figli morti. Già nei versi di  Ruckert c’è un senso di pace e di resurrezione, di vita insomma che travalica il fatto doloroso della morte del bambino:

Ed ora il sole vuole ancora sorgere/come se una disgrazia nella notte/non fosse accaduta

Ma nei quadri di Pirri tutto ciò diventa davvero ineffabile: il colore rosa, che traspare ma non si vede, in sfere incipriate  sulla luminosità del plexiglass; l’occhio luminoso ottenuto con un traforo di una leggerezza che lo rende inconsistente; e poi lo svariare dal rosa al bianco in altri quadri rende tutto musica, da quel Mahler da cui è ispirata.  Insomma “vedere” per credere e per “riascoltare” un messaggio musicale e poetico di estrema purezza.

 

Foto: www.arte.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »