energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Movida fiorentina: Renzi propone un “Patto di civiltà” in 15 punti Cronaca

Continua il braccio di ferro fra il Comune di Firenze ed i locali della movida fiorentina sottoposti a sequestro preventivo negli scorsi giorni. Nella giornata di oggi, 31 maggio, il sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi, ha illustrato il “Patto di civiltà” che Palazzo Vecchio propone ai locali di via de’ Benci, ai residenti di Sant Croce ed alle associazioni di categoria. Si tratta di un testo in 15 punti che alcuni gestori dei locali chiusi dalle 22.00 alle 7.00 hanno giudicato «un po’ severo», ma che dovranno comunque valutare attentamente per rispondere a Renzi. A tal fine domani, 1 giugno, i gestori dei locali della movida fiorentina si incontreranno per decidere la loro strategia comune. Renzi, dal canto suo, ha esposto il “Patto di civiltà” ricordando che anche il Comune farà la sua parte, potenziando i controlli per la guida in stato di ebbrezza, aumentando la presenza della Polizia Municipale nella zona di Santa Croce ed installando delle toelette aggiuntive nelle aree a maggiore transito e frequentazione a partire dalle 20.00. I punti fondamentali del documento proposto da Palazzo Vecchio, però, sono il potenziamento del servizio di steward e l’introduzione della “patente a punti” anche per i pub. Dopo le 23.00 ogni locale dovrà dotarsi di un «numero congruo» di addetti alla sicurezza identificabili mediante una pettorina ed addetti al controllo della sicurezza nei pressi degli esercizi. In secondo luogo, a ciascuna attività commerciale verranno assegnati 20 punti, la cui perdita totale potrà comportare la chiusura del locale per un minimo di 1 giorno ed un massimo di 5 giorni. In casi particolarmente gravi, poi, il sindaco potrà, con un’ordinanza, ridurre l’orario di apertura dei locali per tutelare la sicurezza e la quiete pubblica. Previste anche sanzioni accessorie per violazioni minori.

Foto: http://www.benessereblog.it
 

Print Friendly, PDF & Email

Movida fiorentina: Renzi propone un “Patto di civiltà” in 15 punti Notizie dalla toscana

Continua il braccio di ferro fra il Comune di Firenze ed i locali della movida fiorentina sottoposti a sequestro preventivo negli scorsi giorni. Nella giornata di oggi, 31 maggio, il sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi, ha illustrato il “Patto di civiltà” che Palazzo Vecchio propone ai locali di via de’ Benci, ai residenti di Sant Croce ed alle associazioni di categoria. Si tratta di un testo in 15 punti che alcuni gestori dei locali chiusi dalle 22.00 alle 7.00 hanno giudicato «un po’ severo», ma che dovranno comunque valutare attentamente per rispondere a Renzi. A tal fine domani, 1 giugno, i gestori dei locali della movida fiorentina si incontreranno per decidere la loro strategia comune. Renzi, dal canto suo, ha esposto il “Patto di civiltà” ricordando che anche il Comune farà la sua parte, potenziando i controlli per la guida in stato di ebbrezza, aumentando la presenza della Polizia Municipale nella zona di Santa Croce ed installando delle toelette aggiuntive nelle aree a maggiore transito e frequentazione a partire dalle 20.00. I punti fondamentali del documento proposto da Palazzo Vecchio, però, sono il potenziamento del servizio di steward e l’introduzione della “patente a punti” anche per i pub. Dopo le 23.00 ogni locale dovrà dotarsi di un «numero congruo» di addetti alla sicurezza identificabili mediante una pettorina ed addetti al controllo della sicurezza nei pressi degli esercizi. In secondo luogo, a ciascuna attività commerciale verranno assegnati 20 punti, la cui perdita totale potrà comportare la chiusura del locale per un minimo di 1 giorno ed un massimo di 5 giorni. In casi particolarmente gravi, poi, il sindaco potrà, con un’ordinanza, ridurre l’orario di apertura dei locali per tutelare la sicurezza e la quiete pubblica. Previste anche sanzioni accessorie per violazioni minori.

Foto: http://www.benessereblog.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »