energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Mozione per la Costa Concordia in Consiglio regionale Cronaca

Mentre al Giglio proseguono i lavori sul relitto della Costa Concordia, in Consiglio regionale si è votata una mozione, sottoscritta da tutti i gruppi politici, per chiedere al Governo che venga prevista una normativa nazionale di compensazione e promozione del territorio colpito da incidenti o disastri ambientali come quello del 13 gennaio. La mozione è passata all’unanimità nell’aula di Palazzo Panciatichi ed obbliga la Giunta regionale a chiedere all’Esecutivo nazionale di mettere in atto una normativa capace di garantire al Giglio il giusto risarcimento per i danni, ambientali ed economici, causati dal naufragio della Costa Concordia. L’assemblea legislativa toscana, con la mozione, chiede anche alla Giunta regionale di fare pressione sul Governo affinché venga recepita la direttiva europea n. 20 del 2009, secondo la quale gli armatori sono obbligati a stipulare, per navi battenti bandiera europea o che facciano scalo in porti europei, un’assicurazione di responsabilità civile. Il Consiglio regionale, con questa mozione, intende garantire alla Toscana una ricaduta positiva, anche in termini occupazionali, delle fasi di rimozione e recupero del relitto della Concordia, nonché del ripristino ambientale. Si tratterebbe, hanno spiegato i consiglieri proponenti l’atto, di una legittima compensazione economica per il danno subito dall’isola del Giglio. E mentre in aula si discuteva, al Giglio procedevano le operazioni “caretaking”, ossia la rimozione del materiale fuoriuscito dalla nave. Fino a ieri, 17 aprile, i tecnici della Smit Salvage e della Neri di Grosseto avevano recuperato circa 250 metri cubi di materiali che sono stati caricati sul motopontone Marzocco e trasferiti nel sito di stoccaggio temporaneo di Talamone. Per il momento non si registrano variazioni significative nei movimenti dello scafo della Concordia, che viene costantemente monitorato dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze.


Foto: http://i.usatoday.net
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »