energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mps: si riducono le perdite in Borsa (+5,35%), attesa per il Cda Economia

Siena –  Vi è ormai grande attesa per il consiglio di amministrazione del Monte dei Paschi di Siena che domani dovrà approvare il piano di rafforzamento del capitale della banca da presentare entro il 10 novembre alla Banca Centrale Europea. Il ‘capital plan’, su cui management e advisor stanno lavorando senza sosta dal giorno della bocciatura della banca allo stress test che ha messo in evidenza uno shortfall di 2,1 miliardi, prevede, sorprese dell’ultima ora, un nuovo aumento di capitale destinato a colmare interamente il deficit patrimoniale e una serie di  misure di minore portata, come la cessione di alcuni asset.

Il titolo dell’istituto senese anche oggi ha ridotto le pesanti perdite della settimana scorsa, chiudendo con un più 5,35% che l’ha fatto risalire a 0, 65 euro. La capitalizzazione, massacrata nei giorni scorsi con una perdita che ha raggiunto il 40%, è  risalita a 3,3 miliardi. Ieri,  grazie all’annuncio del ricorso ai mercati che aveva messo fine a una dannosa incertezza sulle misure che  MPS  intendeva adottare, l’azione aveva gia` recuperato l’1,47% .

Minore impatto sui mercati sembra avere avuto la notizia secondo cui il fondo di Hong Kong NIT Holding sarebbe pronto a fare da ‘cavaliere bianco’ scendendo in campo con 10 miliardi di euro. L’offerta sembra essere stata accolta con un certo scetticismo, anche perché di NIT non si sa molto. La banca comunque non ha confermato di aver ricevuto  una comunicazione.

Citygroup e UBS, gli advisor incaricati di organizzare il consorzio per l’aumento del capitale – che sarebbe il secondo dopo quello da 5 miliardi di luglio – stanno perfezionando i colloqui con le banche che dovrebbero partecipare all’operazione. I nomi che circolano sono Barclays, BofA, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Mediobanca. Il socio Axa ha già fatto sapere che parteciperà all’aumento di capitale. Si pensa che anche la Fondazione MPS e i suoi partner nel patto di sindacato BTG e Fintech seguiranno l’esempio del colosso assicurativo francese. La Fondazione MPS ha al momento solo fatto sapere di aver nominato suo advisor il Credito Fondiario.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »