energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Musica e solidarietà, Danilo Sacco in concerto a Firenze Spettacoli

Firenze – Un invito a “stare in guardia”, a non rimanere indifferenti ma soprattutto a non perdere l’umanità. Danilo Kakuen Sacco, voce storica della musica d’autore oltre che artista chiamato a sostituire Augusto Daolio nei Nomadi, band in cui ha militato per 18 anni, sarà in concerto a Firenze con il suo nuovo album “Gardè”. L’appuntamento è sabato 13 aprile, alle 21, al teatro Puccini (biglietti da 23 a 34,50 euro).

Il brano “Gardè” che dà il nome all’album, scritto con lo psichiatra calabrese Silvio D’Alessandro, è dedicato al sindaco di Riace Mimmo Lucano e racconta gli sbarchi, l’emigrazione e il pregiudizio nei confronti di chi è costretto a cercare fortuna in territori diversi da quello di appartenenza.

“Mimmo Lucano è un esempio concreto di solidarietà e di militanza sociale – commenta Danilo Sacco – in un periodo buio come il nostro, abbiamo tutti un bisogno impellente di persone che lottino per mantenere vivi i nostri valori ed ideali, troppo spesso triturati in un meccanismo che premia i più furbi e non i più coraggiosi. Ci si lamenta del mondo in cui viviamo ma spesso deleghiamo agli altri anche le nostre responsabilità. C’è bisogno di gente che dia una mano, che resista e riscopra quella parola troppo spesso violentata ed abusata che è umanità”.

Un album militante che interpreta la contemporaneità attingendo anche alla storia, un invito a preservare la memoria per trovare una chiave di lettura del presente. Il suono “controcorrente”, forte, diretto, con una variazione di stile che dalla classica ballata folk si stempera nella ninna nanna, accompagna una macro-narrazione che rinvia al generale bisogno di sentimenti autentici.

Le tredici tracce dell’album sono microstorie che attingono dal quotidiano e da momenti emblematici del passato per cantare la fratellanza: lo sport come metafora di amicizia, di resistenza agli urti della vita e agli imperativi della storia. La rivalità non coincide con l’antagonismo, ma con la capacità di andare oltre le vittorie.

Il racconto della contemporaneità passa anche attraverso i diritti delle donne, l’emancipazione, la battaglia per la parità di genere e la sicurezza su lavoro. L’album è suonato da Danilo Sacco (bouzouki in “La lunga strada”) con Valerio Giambelli (basso, chitarre e bouzouki), Andrea Mei (piano, tastiere, hammond fisarmonica, programmazioni), Marco Mattei (batteria, percussioni, programmazioni), Ermanno Antonelli (mandolino in “Marzo 1911, chitarra slide in “Spazza via”), Elisa “Ellis” Tartabini (voce in “Marzo 1911” e cori in “Sarò qui per te” e “Io vivo ancora”) e la special guest Neil Zaza (chitarra solista in “Una nuova Babele”).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »