energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mutui per la casa in calo, ma le banche toscane prestano più soldi Economia

Non son certo rose e fiori, per il mercato dei mutui immobiliari toscani, che, seguendo l'andamento nazionale, continuano la discesa: nel secondo trimestre 2013, infatti, guardando ai dati resi pubblici da Tecnocasa,  “Nel secondo trimestre 2013 le famiglie in Toscana hanno ricevutofinanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 406,82
milioni di euro, rispetto allo stesso trimestre del 2012 si registra una variazione delle erogazioni in regione pari al -17,8%, per un controvalore di -87,81 mln di euro”.

Se le banche continuano a tenere stretti i cordoni della borsa, la consistenza dell'erogato in media sale, e nella nostra regione vanta un piccolo record, vale a dire, un cittadino che chieda un mutuo nella nostra regione può ottenere un finanziamento più “pesante”  del 2%  rispetto al mutuatario medio italiano.

Tornando alla contrazione generale che riguarda la concessione dei mutui vista in base  all'andamento delle erogazioni sui 12 mesi, “luglio 2012 – giugno 2013, la  Toscana mostra una variazione negativa delle erogazioni pari a -34,4%, per un controvalore di -816,15 mln di euro – si legge nella nota diffusa da Tecnocasa – sono dunque stati erogati in questi dodici mesi 1558,79 mln di euro, volumi che collocano la regione al 6° posto tra tutte in Italia per quantità totale di volumi erogati con un incidenza pari a 6,98% (Bollettino Statistico III- di Ottobre 2013 – Banca d'Italia)”.

Per quanto riguarda le cause, emerge che il freno maggiore resta la domanda di credito debole,  condizionata da una bassa fiducia dei consumatori e da un mercato del lavoro che stenta a decollare, oltre che da una sempre alta attenzione al rischio da parte degli operatori del settore. I costi di approvvigionamento sui mercati interbancari restano a valori elevati, seppur in miglioramento rispetto a qualche mese fa, e influenzano il costo dei prodotti finali.

Infine, ecco la situazione regionale in dettaglio: la provincia di Arezzo ha erogato volumi per 23,55 mln di euro, facendo registrare una variazione pari a -39,9%. A Firenze sono stati erogati volumi per 143,7 mln di euro, corrispondenti a una pari a -5,8%. La provincia di Grosseto ha erogato volumi per 17,37 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a -23,1%. In provincia di Livorno i volumi erogati sono stati 43,12 mln di euro, la variazione corrisponde a 0,3%. In provincia di Lucca sono stati erogati volumi per 34,57 mln di euro, la variazione rispetto allo stesso trimestre del 2012 è pari a -18%. Massa-Carrara ha erogato volumi per 17,08 mln di euro, la variazione sul trimestre è pari a -11%. La provincia di Pisa ha erogato volumi per 46,38 mln di euro, facendo registrare una variazione sul trimestre pari a -14,9%. A Pistoia sono stati erogati volumi per 24,13 mln di euro, la variazione rispetto allo stesso trimestre del 2012 è risultata essere pari a -57,4%. La provincia di Prato ha erogato volumi per 29,7 mln di euro, facendo registrare una variazione pari a -15,2%. In provincia di Siena i volumi erogati sono stati 27,22 mln di euro, la variazione rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente pari a -8,6%.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »