energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nardella e il Franchi, “nessuno vuole raderlo al suolo” Sport

Firenze – Stadio Artemio Franchi devastato, distrutto o addirittura raso al suolo? Ebbene, nessuno lo vuole. E’ questo, in sintesi, il commento del sindaco Dario Nardella che riprende, amplificandole, le parole pronunciate dal Soprintendente Andrea Pessina circa la questione del Franchi alla luce del nuovo emendamento appena approvato in Parlamento, in particolare laddove permetterebbe di smontare, spostare o riprodurre in formato minore pezzi del famoso stadio monumento nazionale e esempio di fama internazionale per quanto riguarda il razionalismo in Europa. Un punto su cui il Soprintendente,poche ore prima aveva espresso “preoccupazione”, dicendo che la responsabilità di un eventuale scempio del Franchi sarebbe dovuta ricadere su proprietà e società viola. “Credo che nessuno, nemmeno i  tifosi, vuole che il Franchi venga completamente raso al suolo – dice Nardella, sollecitato dale domande – questo è un impegno che mi sento assolutamente di prendere  perché ogniqualvolta sono emerse proposte, idee, progetti da  parte della Fiorentina sullo stadio, non ho mai sentito parlare  di distruzione o di devastazione del Franchi”.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella

Dunque, dice Nardella, “radere al suolo al Franchi sarebbe inutile,  quello che è importante è che la società concessionaria  Fiorentina sia in grado di avere uno stadio in linea con le l esigenze di gestione, con le regole Uefa, e che sia davvero un  bellissimo stadio. Noi su questo siamo super pronti a  collaborare. Apprezzo l’atteggiamento corretto istituzionale del  sovrintendente Pessina che giustamente non esprime opinioni  politiche visto il suo ruolo. Quindi apprezzo la sua  correttezza, ma credo che la preoccupazione di Pessina sia anche  mia”.

Del resto, il Soprintendente Pessina aveva reso pubblica la propria disponibilità dicendo: “Spero che sul progetto si possa lavorare insieme, la disponibilità della sovrintendenza c’è e bisogna vedere anche quali sono le proposte che arrivano”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »