energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nasce a Siena l’Osservatorio su debito, regole e diritti STAMP - Università

Siena – È stato presentato oggi all’Università di Siena il nuovo Osservatorio su debito, regole, diritti. Riunendo università, organizzazioni professionali, studiosi e operatori economici, l’Osservatorio si propone di studiare da un punto di vista giuridico le problematiche del sovra indebitamento delle imprese e degli Stati, nonché gli effetti di tale sovra indebitamento sul sistema creditizio.

L’Osservatorio, i cui obiettivi sono stati descritti nel corso di un convegno internazionale che si conclude oggi a Siena, beneficia di un finanziamento iniziale che deriva dai corsi di alta formazione sul sovra indebitamento delle imprese ideati e diretti dalla professoressa Stefania Pacchi, docente di Diritto commerciale, che coordinerà il nuovo organismo insieme al professor Andrea Pisaneschi, docente di Diritto costituzionale, entrambi del Dipartimento di Giurisprudenza.

“Il tema del debito presenta sfaccettature differenti ma tra loro legate – hanno spiegato i due docenti – . Il debito pubblico è spesso conseguenza del farsi carico dello Stato di debiti privati, come la crisi del 2008 ha dimostrato; il debito privato si trasforma a volte in debito non esigibile, appesantendo i bilanci delle banche; l’eccesso di debito pubblico produce aumenti di spread che si ripercuotono sui tassi di finanziamento del sistema bancario e così via. Studiare il fenomeno e la gestione del debito – hanno concluso – significa pertanto studiare il debito pubblico, ma anche l’indebitamento delle imprese e gli effetti del debito pubblico e del debito privato sul sistema degli intermediari creditizi”.

Sulla base di queste premesse l’Osservatorio si propone di diventare un punto di riferimento internazionale sulla gestione del debito. In particolare, l’Osservatorio organizzerà corsi di alta formazione dedicati a studenti e professionisti, workshop con esperti internazionali di università e società pubbliche e private e produrrà saggi, studi e analisi grazie alla rete delle università e degli enti che vi parteciperanno.

nella foto, da sinistra, il vicepresidente della Corte costituzionale Aldo Carosi, intervenuto al convegno, e i docenti del Dipartimento di Giurisprudenza Stefania Pacchi e Andrea Pisanes

Print Friendly, PDF & Email

Translate »