energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nasce il Distretto di Economia Solidale del territorio fiorentino Società

Fiocco azzurro a Firenze nel campo dell'Economia solidale: nasce infatti ufficialmente anche nella nostra città un Distretto dell'Economia solidale (Des) vale a dire un'alleanza organica tra produttori locali e consumatori consapevoli (organizzati nei Gas, gruppi di acquisto solidale) per praticare a livello molecolare dei comportamenti e delle forme di interazione economica che si pongono come alternativa possibile e concreta rispetto ai meccanismi dell'agricoltura produttivista e industrialista. Un modello, quest'ultimo, i cui effetti nocivi sono evidenti anche nelle nostre campagne, con la conseguenza di  perdita di prodotti titpici locali e "l'imposizione" di un unico modello di gusto, omologato e uniforme. 

Esperienze innovative e disponibili a mettersi in rete stanno maturando anche nel settore dell’artigianato e della piccola industria di trasformazione e persino nell’ambito finanziario con l’attivazione di fondi etici e di forme di microcredito. Insomma, davvero “un altro mondo è possibile”, come emerse già 10 anni fa nell’ambito di quel grande evento politico che fu il Social Forum Europeo di Firenze.
I Des si avvalgono di una sorta di "lista di principi comuni" che in sintesi riguardano: la centtralità della persona e delle relazioni e non del denaro; l'utilizzo sostenibile delle risorse (naturali, economiche, professionali); la condivisione delle competenze e del patrimonio conoscitivo di ciascuna esperienza aderente.

L'assemblea costituente dei Des si riunisce domenica 25 marzo, alle 13,30, nella Sala delle Colonne, alle Murate, piazza delle Carceri.
Per maggiori informazioni: Sportello Eco Equo, via dell'Agnolo 1/C, 055.587706 sportelloecoequo@comune.fi.it
Nel corso della manifestazione sarà presentata la Carta dei Principi e si potranno ascoltare numerose testimonianze di altre esperienze del genere a livello nazionale. Nel pomeriggio inoltrato è in programma un workshop di approfondimento

foto: bio_bio.jpg
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »