energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Negrini confermato alla guida di Alleanza delle Cooperative Italiane-Toscana Cronaca

Lucca – Roberto Negrini è stato confermato questa mattina presidente dell’Alleanza delle Cooperative Italiane – Toscana. La conferma è arrivata durante l’assemblea dei delegati che ha aperto la Festa della Cooperazione, l’appuntamento annuale organizzato dal mondo cooperativo toscano, che quest’anno si tiene a Lucca.

Nel corso della mattina è stata illustrata anche una ricerca sulle impronte lasciate dalla crisi sui comportamenti dei toscani.

In una regione che conta 1,5 milioni di famiglie, sempre più monocomponente, e che si attesta come la terza regione più anziana d’Italia dopo Liguria e Friuli, l’Ufficio Studi dell’Alleanza delle Cooperative Italiane della Toscana ha indagato, attraverso 400 interviste, le abitudini della popolazione relative a consumo, salute, comportamenti sociali, ambiente e il grado di fiducia nel futuro.

A livello di consumo, i toscani dopo otto anni di crisi fanno una spesa più ragionata e frequente (il 54% degli intervistati la fa ogni due/tre giorni) e quasi 8 su 10 scelgono la grande distribuzione per gli orari di apertura più lunghi e per la convenienza. Evitano lo spreco – se ogni italiano butta via 30 euro di cibo di ogni mese, la Toscana è sotto la media nazionale con 28 euro – e vedono la spesa come momento ludico.

In linea con i dati nazionali, la popolazione toscana pratica sport una o più volte a settimana nel 30% dei casi, mentre la maggioranza dei cittadini non fa attività sportiva. La salute è una tematica che raccoglie grande attenzione: il 60% degli intervistati ha fatto un check-up medico negli scorsi 12 mesi. La percentuale cresce all’aumentare dell’età.

Venendo alla socialità, i toscani si mobilitano frequentemente per iniziative di solidarietà – oltre la metà vi ha partecipato negli scorsi 12 mesi – mentre si riconoscono poco in associazioni e comitati: il 68% dichiara di non appartenere a nessuna organizzazione di questo tipo. Più assidua la frequenza di luoghi di aggregazione come circoli e parrocchia, che riguarda il 48% dei toscani intervistati, mentre i consumi culturali coinvolgono una volta al mese il 45% della popolazione. Ad uscire una volta a settimana è solo il 6% del campione.

I toscani sono inoltre molto attenti all’ambiente: solo il 10% del campione afferma di non fare raccolta differenziata, mentre per l’83% è una abitudine consolidata.

Alla domanda sulla fiducia nel breve termine, formulata come “crede ad un miglioramento della sua situazione nei prossimi 12 mesi?” l’88% del campione risponde negativamente, ma la percentuale scende al 60% fra i giovani sotto i 35 anni.

Dalla ricerca emerge infatti che giovani under 35 si distinguono per una maggiore fiducia nel futuro, oltre ad essere iscritti ad associazioni e comitati più degli altri gruppi di età, a frequentare il quartiere con maggiore assiduità e ad essere molto attenti all’ambiente.

Sulla scia delle esigenze e dei bisogni evidenziati dalla ricerca, il programma della mattinata ha previsto la presentazione di alcuni progetti della cooperazione toscana per le scuole, per l’arte e la conoscenza del territorio, per i valori e l’educazione, per la salute, per la conciliazione vita-lavoro e di contrasto all’emarginazione.

La mattinata si è conclusa con una tavola rotonda sulle esperienze di sociability toscana che ha visto intervenire i rappresentanti della Banca di Pisa e Fornacette, della Cooperativa Serinper, di Consorzio COESO, di Consorzio E.Co, della Cooperativa Montagna Verde, della Rete Umana Persone, della Cooperativa Apuana Vagli e di Unicoop Firenze.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »