energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nella scoperta della “particella di dio” c’è anche lo zampino di accademici pisani Innovazione

La scoperta della cosiddetta “particella di Dio” è stata annunciata nella mattinata di ieri, mercoledì 4 luglio, presso l’auditorium del Consiglio europeo per la ricerca nucleare (Cern) di Ginevra, in Svizzera. L’identificazione del bosone di Higgis, oltre ad essere un sensazionale successo per la scienza, è anche, in qualche modo, un successo per le Università pisane. Guido Tonelli, docente dell’Università di Pisa, ed altri accademici dell’Ateneo pisano e della Scuola Superiore Sant’Anna che fanno capo all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, hanno infatti dato un contributo fondamentale all’esperimento che ha condotto ad identificare per la prima volta il bosone, una particella atomica così infinitesimale da confermare le teorie sull’origine dell’Universo postulate dal fisico scozzese Peter Higgs. Il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, ha espresso le sue congratulazioni nei confronti del direttore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Pisa per il contributo fornito dagli accademici della città toscana in questo nuovo piccolo grande passo della scienza.

Foto: http://www.scienza.panorama.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »