energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Neve, riaperti tratti della Fi-Pi-Li. Codice rosso su alcuni tratti autostradali Cronaca

E' ancora attiva dalla mezzanotte di oggi nel territorio di tutte le province delle regioni Toscana, Marche, Umbria ed Emilia Romagna (dalle ore 2:00) la sospensione temporanea della circolazione dei mezzi con massa complessiva a pieno carico superiore alle 7,5 tonnellate, informa una nota di  Viabilità Italia. Trattasi di una misura  "predisposta dai Prefetti sino a cessate esigenze” come provvedimento necessario a causa del previsto aumento non solo dell'intensità delle nevicate durante la notte ma anche dei terriotri interessati. In Toscana per tutta la notte la neve è caduta abbondantemente, in quantità certamente non paragonabile a quella del dicembre 2010, ed in queste ore ha cominciato ad interessare il centro sud, dalle Marche all' Appennino abruzzese e laziale, alla Calabria. Nevica in Puglia e Molise. L'Aquila è paralizzata dal ghiaccio ed è imbiancato anche il Vesuvio.

In Toscana a destare maggiore preoccupazione sarà ora il gelo, poiché  temperature eccezionalmente basse dovrebbero colpire la regione fino a martedì, con picchi di -10, -15 gradi. Mentre l'allerta neve è previsto concludersi stanotte mercoledì 1° febbraio,  l'allerta ghiaccio va da stamattina fino alle 23 di domani giovedì 2 febbraio.
Mentre è sotto controllo la situazione a Firenze, dove durante la notte i mezzi spargisale hanno lavorato incessantemente, garantendo la viabilità soprattutto nei viali più nevralgici per la circolazione, alla periferia nord, in particolare verso Campi Bisenzio e Prato, ci sono problemi. Prato è ricoperta da molta intensa, e si viaggia a passo d'uomo. Maggiori disagi amche a Lucca e Livorno finita nuovamente sotto una tormenta che, fino all'anno scorso, era un evento rarissimo. All'interno della Regione è difficile muoversi per treni cancellati o in forte ritardo quasi in ogni tratta.

Sulla Fi-Pi-Li è invece al momento chiuso il tratto Lastra a Signa Empoli. La superstrada nella nottata era stata chiusa anche tra Lavoria e Livorno e tra Firenze e Pontedera, tratti che poi sono stati riaperti intorno alle 8,45 di stamani. E’ stata chiusa per alcune ore anche la superstrada Firenze-Siena. Il traffico ferroviario regionale ha registrato soltanto rallentamenti.
Si sono inoltre verificati black out un pò in tutta la regione localizzati nei piccoli centri abitati rurali, soprattutto nelle zone tra Grosseto, Siena e Chiusi. Molti sindaci toscani hanno disposto con ordinanza la chiusura per oggi degli istituti scolastici. In particolare saranno chiuse le scuole in 8 comuni della provincia di Firenze, in 6 comuni della provincia di Massa-Carrara, in 4 della provincia di Siena,  in 10 della provincia di Pistoia, in 5 della provincia di Livorno,  in 17 della provincia di Lucca, in quasi tutti della provincia di Pisa e in 16 della provincia di Arezzo.
Nella Provincia di Firenze previste ancora per tutta la mattina precipitazioni nevose diffuse, informa una nota del Centro funzionale della Regione Toscana,  da quote collinari e localmente anche in pianura, con venti forti di grecale e localmente di burrasca fino a stasera.Tutti i fenomeni sono comunque in graduale attenuazione, dal pomeriggio i fenomeni di precipitazione più intensi tenderanno ad isolarsi sull'Appennino, soprattutto fiorentino ed aretino, mentre saranno possibili precipitazioni residue nel resto del territorio.  Oggi le scuole di Firenze resteranno aperte (31 gennaio La prima neve a basse quote a Camaiore. Firenze in fase stand-by)

La neve caduta dal tardo pomeriggio di ieri fino a tutta la notte ha determinato soprattutto problemi alla circolazione stradale dei mezzi. La sala operativa della Protezione civile segnala “codice rosso” ovvero nevicata in atto sull’A1 in direzione di Bologna e di Roma e sull’A11 per cui ci sono rallentamenti del traffico ma al momento nessun blocco. Autostrade per l’Italia ha disposto la regolazione del traffico dei mezzi pesanti con peso superiore alle 7,5 tonnellate sul tratto appenninico bolognese dell’A1 tra Sasso Marconi e Rioveggio. Stesso tipo di intervento è stato disposto sull’Autosole tra Piacenza Nord e Terre di Canossa-Campegine (Reggio Emilia), in direzione sud, e in A14 tra il bivio A14/A1 Milano-Napoli, all’altezza di Bologna, e Cattolica (Rimini) in entrambe le direzioni.

La neve e il gelo imperversano da ieri soprattutto al Centro Nord e man mano si sono estesi al Centro e poi al Sud dell'Italia
Italia. Finora grazie ai piani anti-neve, la circolazione stradale e ferroviaria non ha subito interruzioni, fatta eccezione per la riduzione di alcuni treni regionali e per il divieto al transito su alcuni tratti autostradali imposto ai mezzi di stazza superiore alle 7,5 tonnellate a pieno carico.

30 gennaio Emergenza neve, Firenze si prepara. Da mercoledì obbligo di catene in città

Foto www.piazzadellenotizie.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »