energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nomina direttori generali: i “volti nuovi” della sanità toscana STAMP - Salute

L’assessore regionale al Diritto alla salute, Daniela Scaramuccia, ha comunicato ieri, 10 gennaio, i nomi dei nuovi direttori generali della sanità toscana alla Commissione Sanità del consiglio regionale della Toscana, che ha dovuto esprimere il suo parere sulle nomine proposte dalla Giunta regionale. A seguito della votazione, che ha fatto registrare 5 voti a favore e 2 contrari da parte dei membri della Commissione, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha firmato oggi, 11 gennaio, il decreto di nomina dei direttori generali, i quali inizieranno i loro lavori il 12 gennaio. Beatrice Sassi, attuale direttore generale della direzione Diritti di cittadinanza e coesione sociale, andrà a dirigere l’Estav Centro, mentre l’attuale direttore generale dell’Estav Centro, Monica Piovi, si sposterà a Siena per dirigere l’Estav Sud-Est al posto del direttore in scadenza, Francesco Izzo. A ricoprire il posto di direttore generale della direzione “Diritti di cittadinanza e coesione sociale” al posto di Beatrice Sassi, poi, è stato chiamato Edoardo Majno, attuale direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria di Careggi. Al posto di Majno andrà l’attuale vicedirettore di Careggi, Valtere Giovannini. Alla guida della Asl 2 di Lucca, al posto dell’attuale direttore in scadenza, Oreste Tavanti, andrà Antonio D’Urso, finora direttore sanitario della Asl 4 di Prato. Conferma, infine, per i direttori generali della Asl 6 di Livorno, Monica Calamai, e della Asl 9 di Grosseto, Fausto Mariotti. Pareri e voto positivo sulle proposte di nomina della Giunta sono state espresse dai consiglieri regionali Lucia Matergi (Pd), Rosanna Pugnalini (Pd), Maria Luisa Chincarini (Idv), Pieraldo Ciucchi (Gruppo misto) e dal presidente della Commissione Sanità, Marco Remaschi (Pd). Il consigliere Marco Carraresi (Udc) si è astenuto dalla votazione ed ha parlato di «complessiva ipocrisia dell’atto, fondamentalmente contraddittorio e carente di motivazioni», nonché di «girandola di nomi senza senso e logica». Critici anche i consiglieri che hanno votato contro le nomine proposte dall’assessore Scaramuccia, ossia Stefano Mugnai (Pdl) e Gian Luca Lazzeri (Lega Nord), per i quali la Commissione Sanità non ha fatto altro che “obbedire politicamente” a quanto deciso dal presidente Rossi.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »