energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Non c’è pace per le api, l’allarme miele giunge da Pistoia Breaking news, Economia

Pistoia – Non c’è pace per le api. Anche quest’anno i produttori sono alle prese con le bizze del tempo ma anche con acari e insetti alieni che riducono la consistenza degli sciami d’api. A lanciare l’allarme è la Coldiretti Pistoia, che quantifica in oltre il 50% con punte del 60%, secondo la stima dei produttori pistoiese, la perdita di consistenza degli sciami. Dunque, previsioni molto negative sulla produzione di miele, in linea con l’andamento regionale e nazionale.

Del resto, gli alti e bassi del clima di questi giorni pesano ancora di più su una situazione già difficile. “Se il numero di api è ridotto all’osso durante il periodo di fioritura, viene a mancare il prezioso lavoro di trasporto del polline da una pianta all’altra – spiegano dalla coldiretti pistoiese – di conseguenza è in forte ritardo anche la produzione di miele con cali fino al 50% per i primi raccolti di stagione. Siamo alla vigilia della fioritura dell’acacia – ricordano ancora gli operatori – uno dei fiori da cui si ricava un miele tra i più apprezzati dai consumatori, la cui produzione è già compromessa, ma che sarà ancora peggio se continuerà l’altalena climatica che ha caratterizzato aprile”.

Intanto, a livello nazionale la produzione di miele nel 2017 si è ridotta a meno di 10 milioni di chili, uno dei risultati peggiori della storia dell’apicoltura moderna da almeno 35 anni. Così, crescono le importazioni, che hanno superato i 23 milioni di chili con un aumento di quasi il 4% rispetto all’anno precedente. Quasi la metà di tutto il miele estero in Italia arriva da due soli paesi: Ungheria con oltre 8 milioni e mezzo di chili e la Cina con quasi 3 milioni di chili, ai vertici per l’insicurezza alimentare.

Alcuni “trucchi” sono sempre validi per evitare di portare in tavola prodotti provenienti dall’estero, spesso di bassa qualità, come consiglia la Coldiretti Pistoia. Primo passo, verificare sempre con attenzione l’origine in etichetta, oppure, se ci sono ancora margini di dubbio,  “rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di Campagna Amica di Pescia, ogni martedì, Quarrata ogni giovedì, e a Pistoia ogni sabato”.

Il miele prodotto sul territorio nazionale dove non sono ammesse coltivazioni Ogm (a differenza di quanto avviene ad esempio in Cina) è riconoscibile attraverso l’etichettatura di origine obbligatoria fortemente sostenuta dalla Coldiretti.

“La parola Italia deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale, mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’Unione Europea, l’etichetta – continua la Coldiretti – deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE”.”. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »