energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Non è Natale, per il Maggio Fiorentino Dibattito politico

Pubblichiamo un intervento del consigliere regionale Mauro Romanelli (Sel) che rileva le difficoltà che di nuovo si abbattono sui lavoratori del Maggio Fiorentino. 
“Anche nel periodo del Natale per i lavoratori del Maggio Musicale fiorentino non c’è pace e alcuni di loro ora rischiano il licenziamento collettivo e/o le dimissioni incentivate: un’operazione che prevede dodici licenziati in attesa di pensione e quaranta messi in mobilità. Non posso che esprimere tutta la mia solidarietà ai lavoratori al contempo la critica a una Dirigenza che scarica sulle loro spalle e su quelle delle loro famiglie anni di gestioni assolutamente inadeguate per non dire di peggio” – dichiara il Consigliere Regionale di Sinistra Ecologia e Libertà Mauro Romanelli.
“Dopo tante rinnovate promesse è così dunque che si pensa di realizzare il piano di risanamento, piano tra l’altro non ancora pervenuto alle organizzazioni sindacali?. Non sarebbe invece più equo evitare assunzioni o incarichi negli ambiti dove sono state dichiarate eccedenze, limitare i costi della dirigenza e porre finalmente in campo una riorganizzazione seria?”.
“Chiedo che, prima dell’apertura di qualsiasi procedura da parte della Fondazione, procedura tra l’altro molto criticabile nei metodi e la cui legittimità viene contestata dalle oo. ss., tutta la politica accolga il richiamo dei rappresentanti dei lavoratori e si organizzi un tavolo tra Regione, Comune e Ales s.p.a. (la società in house del Ministero per i Beni e le Attività Culturali) per chiarire il destino dei lavoratori, con attenzione puntuale alle condizioni normative ed economiche e alle destinazioni professionali degli interessati”.
“Non è più tempo delle decisioni unilaterali: si evitino nuovi accanimenti sui dipendenti e non si metta a rischio il processo di risanamento esponendo il Maggio anche a possibili ricorsi e impugnazioni”, termina Romanelli.
Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »