energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Notte delle stelle con la Fondazione Tommasino Bacciotti Cronaca

Pistoia – Cosa può esserci di più bello ed utile che passare “la notte delle stelle” per una buona causa?  Per il terzo anno consecutivo, giovedì 10 agosto prossimo, presso il Castello di Ama si terrà la cena di beneficenza per la Fondazione Tommasino Bacciotti. Una serata solidale nello splendido scenario del famoso Castello a Gaiole in Chianti.

“La missione della nostra Fondazione” dice Paolo Baciotti “è di essere vicino ai bambini colpiti da malattia, e alle loro famiglie nel delicato momento della cura a Firenze, non solo preoccupandosi della loro accoglienza, ma contribuendo al miglioramento della cura con il nostro impegno economico al fianco del Mayer”, racconta Paolo Bacciotti, padre di Tommasino. 

La Fondazione intitolata a Tommasino, lo ricordiamo, nasce in seguito ad un grande dolore. La perdita di un figlio colpito dal cancro e strappato prematuramente ai suoi affetti ed alla vita. Tommaso Bacciotti era il figlio di Paolo e Barbara, affetto da una rara forma di tumore cerebrale particolarmente aggressiva, il pinealoblastoma, che si è manifestata quando aveva appena 9 mesi, fu sottoposto a cure chemioterapiche intense presso l’Ospedale Meyer di Firenze e ad interventi neurochirurgici sia in questo ospedale che all’estero, che hanno permesso la riduzione del tumore ed un controllo della malattia, durato solamente per un anno. Perché il terribile tumore si è ripresentato ed ha portato a morte Tommasino il 19 dicembre 1999.

Le tante offerte di solidarietà giunte dopo la morte di Tommaso sono state appositamente dirottate nella creazione di un fondo permanente fortemente voluto dai genitori, intitolato proprio al loro “Tommasino’, dedicato allo studio e alla cura di questi tumori infantili . Tommasino aveva, come tutti i bambini, una enorme energia e voglia di vivere che i genitori con questo progetto intendono non disperdere. “Questa forza estrememente positiva deve servire per aggregare quella di altre persone sensibili a questo problema e disposte a dare il loro contributo.” Afferma Paolo e ci ricorda che ” Tommasino è stato una realtà bellissima e questa iniziativa deve essere motivo di gioia: trarre energia dalla morte di una persona amata è la migliore reazione possibile. Non commiserazione o pietà, ma costruttività” e continua: 

“Sono passati più di 18 anni dalla scomparsa del piccolo Tommaso e grazie all’instancabile impegno che io, Paolo Bacciotti con mia moglie Barbara abbiamo dedicato alla Fondazione intitolata a Tommasino, siamo riusciti a realizzare importanti progetti nel settore oncologico pediatrico” 

Così parlano i due genitori impegnati dall’epoca della perdita nella Fondazione intitolata a Tommasino : “Fin dai primi momenti abbiamo sentito la necessità, per quanto possibile, di uscire dal nostro profondo dolore e di trasformarlo in una reazione costruttiva.

Grazie all’attività della Fondazione, e dunque all’appoggio di tante persone generose e sensibili, abbiamo portato a termine obiettivi importanti, sentendoci sempre vicini ai bambini ammalati e alle loro famiglie, in quanto noi stessi in prima persona abbiamo vissuto per due anni il drammatico tunnel della malattia: per esperienza diretta sappiamo cosa significa avere un figlio malato di tumore. Ed è per questo motivo che in ricordo di Tommaso desideriamo offrire ai bambini ammalati una possibilità in più, quella possibilità che nostro figlio non ha potuto avere.” 

Sono molti i progetti che già hanno visto la luce e di cui vanno fieri ma c’è da guardare anche al futuro, determinati e fiduciosi come sempre sono nell’intento di poter fare ancora tanto per i bambini che soffrono.

La serata avrà inizio dalle ore 18:30, una buona occasione per degustare l’eccellenza della gastronomia italiana in uno splendido viaggio enogastronomico e per festeggiare insieme la notte di San Lorenzo. La cena ha una donazione minima consigliata di 50,00 euro a persona che saranno interamente devoluti al Progetto Case Accoglienza della Fondazione Tommasino.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »