energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Notti di fuoco, ecco i consigli per gli insonni Società

Firenze – Saranno almeno dieci giorni (e notti) di caldo africano: l’arrivo del nuovo anticiclone “Flegetonte” dall’Africa alzerà inesorabilmente le temperature fino a toccare, si prevede mercoledì, la punta di 38 gradi a Firenze. E con il grande caldo, giunge anche il problema del riposo notturno, per molti quasi irrisolvibile. Tant’è vero che, secondo i calcoli di Coldiretti, sarebbero quasi 12 milioni gli italiani che soffrono di insonnia. Propri da coldiretti arrivano alcuni conigli che riguardano l’alimentazione: ad esempio, è difficle intuire che cibi come pane, pasta e riso possano essere d’aiuto per giungere a riposare con tranquillità. Anche lattuga, radicchio, cipolla, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte fresco caldo e frutta dolce come pesche e nettarine sono, secondo Coldiretti, di valido aiuto a placare l’insonnia.

Una bella croce invece andrebbe messa, in particolare in questo periodo dell’anno, sopra cibi con molto pepe e sale. Stesso “divieto” anche per curry, paprika e patatine in sacchetto, salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina. Un altro occhio di riguardo è quello da tenere nelle serate con gli amici, o al fresco, quando è più facile esagerare in caffè (magari freddo e shakerato)e superalcolici. Attenzione anche agli alimenti in scatola, così comodi e veloci quando si è in vacanza ma forieri, per gli ingredienti dei condimenti, di insonnia e difficoltà nel “tenere” un sonno profondo e senza risvegli improvvisi.

Per quanto riguarda bambini e anziani, è importante ricordare che è molto difficile prendere sonno digiuni o non sufficientemente sazi, o, al contrario, reduci da abbuffate. Insomma il trucco per dormire di gusto sta in un piccolo elemento, un aminoacido che si chiama triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento.

Per dare una mano alla serotonina, basterebbe assumere alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione. Fra le verdure vogliamo sottolineare il ruolo della lattuga. Per quanto riguarda il classico bicchiere di latte caldo prima di andare a letto, la scienza dice sì in quanto, oltre a diminuire l’acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita. E poi, se proprio non si riesce a prendere sonno e la dieta ve lo permette, un buon dolcetto serale, con i suoi tanti carboidrati semplici combatte lo stress. Magari insieme a un infuso domestico, o tisana che si voglia, rigorosamente dolcificati con miele.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »