energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nucleo Operativo di Protezione Civile: il team toscano che porta la vita Cronaca

Sono dei “Babbo Natale” del tutto speciali. Il dono che portano vale più di ogni altra cosa: loro portano la vita. E’ il dream team dei 13 volontari del Nucleo Operativo di Protezione Civile logistica dei trapianti che in questa settimana hanno volato sopra i cieli del mondo per portare speranza ai malati. Una squadra specialissima che va su e giù per i continenti, da Israele agli Stati Uniti, senza un attimo di tregua. I volontari del Nucleo Operativo sono sempre pronti a volare in ogni luogo dove ci sia un donatore compatibile con l’ammalato che ha bisogno di un trapianto per sconfiggere la malattia e riappropriarsi della sua vita. Già, perchè è proprio questa la mission del gruppo: organizzare e compiere il trasferimento di organi da trapiantare. Un compito delicato, da svolgere con estrema attenzione e competenza.

Il Nucleo si è costituito venti anni fa a Firenze. Era il 1993. Alcuni volontari che operavano da anni nel settore della Protezione Civile ebbero la felice intuizione. Nel settore dei trapianti, delle malattie rare, servivano servizi che nessuna struttura esistente era in grado di offrire. dato così il “Nucleo Operativo di Protezione Civile” , associazione di volontariato senza scopo di lucro riconosciuta dal Comune di Firenze e dalla Provincia, iscritta al Registro Regionale per il Volontariato e censita dal Dipartimento di Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il primo ufficio fu aperto a Firenze. Erano gli anni che in Toscana prendeva avvio in modo significativo l’attività di trapianto di organi. Nel 1994 il dipartimento cardiotoracico del policlinico Le Scotte di Siena inizia l’attività di trapianto di cuore: è il primo importante centro trapianti ad attivarsi in Toscana. Il Nucleo Operativo di Protezione Civile affianca sin dall’inizio il centro trapianti per tutta l’attività logistica, curando gli spostamenti delle equipe mediche impegnate nel prelievo degli organi che saranno poi trapiantati: è un compito difficile ma molto stimolante perché consente di mettere a frutto tutto quanto appreso nel primo periodo di attività e anche di iniziare e perfezionare il servizio di assistenza alle equipe impegnate nei prelievi di organi.

Si tratta in pratica di prevedere e risolvere ogni problema che si possa presentare organizzando al meglio le trasferte usando sia mezzi stradali che aerei.

Nel 1996 il Nucleo Operativo di Protezione Civile, viene chiamato ad operare a sostegno del centro trapianti di fegato dell’ospedale di Cisanello di Pisa. Nel 1997 il Nucleo viene chiamato dal centro trapianti di midollo osseo dell’ospedale fiorentino di Careggi a Firenze ad occuparsi dei trasporti di midollo osseo a livello internazionale. Non solo. Il Nucleo si occupa anche dei servizi gestiti dalla Banca toscana dei tessuti: dagli homograft, valvole cardiache biologiche ai tessuti ossei. Da allora è un crescendo di richieste. Anche i centri trapianti midollo osseo di Vicenza, Bologna, Verona, Reggio Calabria, Cagliari, Pisa, Torino, Milano e altri ancora, si affidano al servizio dei volontari toscani. Tanto che il numero dei servizi erogati passa progressivamente dai circa 20 interventi del 1994 ai quasi 700 del 2002 e negli anni vengono aperti nuovi uffici a Pisa e a Milano.. Il team toscano eccellenza nel mondo, nell’ultimo periodo festivo ha volato a Tel Aviv, a Washington, Lauder Hill, Dallas e Barkley negli Stati Uniti e poi a Londra, Porto, Malaga, Oviedo, Barcellona, Padova, Milano, Colonia, Salamanca, Cordoba e Madrid.

“E’ sempre una gioia salvare la vita di qualcuno – spiega Massimo Pieraccini, fondatore e direttore dello speciale team – ma in questi giorni di feste natalizie sapere di aver portato il dono che non si trova in commercio e che vale la vita è davvero un’emozione speciale”. Con quelle portate a termine ultimamente arrivano a 685 le missioni di quest’anno del Nucleo Operativo di Protezione Civile divisione logistica dei trapianti, di cui 393 internazionali e 84 intercontinentali. Un grande traguardo per un’eccellenza mondiale nata a Firenze.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »