energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Nuit de Sade: appuntamento sabato 13 febbraio alla Limonaia dello Stibbert Notizie dalla toscana

Firenze – Sabato 13 febbraio è ancora carnevale con La Nuit de Sade che, in collaborazione con RSC 74 Productions e Die Schwarze Nacht, offrirà al suo pubblico “Morte a Venezia MMXVI“, evento speciale nella Limonaia dello Stibbert, edificio neoclassico progettato dall’architetto Giuseppe Poggi nel favoloso complesso museale fiorentino (Via Federigo Stibbert, 26 – Firenze; 15 euro con consumazione; Infoline: 3385975926; Email: info@lanuitdesade.it; FB: Giacomo B-Tubes Giannelli; FB: LaNuitDeSade).

L’omonimo romanzo breve di Mann sarà in realtà appena sfiorato, giusto per accentuare un po’ il penchant decadente; ma al centro della fantasmagorica festa danzante ci sarà soprattutto la magica Venezia col suo carnevale, il più bello del mondo. Gli ispiratori saranno alla perfine più Casanova e Goldoni, che gli scrittori nativi di Lubecca… Si sa che il martedì grasso quest’anno è precoce, già il 9, ma sabato 13 i Nuittiani e le Nuittiane continueranno a ballare, scherzare e brindare fino all’alba, tutti con l’identità rigorosamente celata da fastose maschere.

Se si arriva ad un orario poco usuale per le serate danzanti, ossia dalle 21.30 alle 22.40, gruppi di massimo 20 persone potranno (previo il pagamento simbolico di €2 a persona) visitare alcune delle sale del bellissimo museo Federigo Stibbert, che annovera collezioni di armi bianche ed armature dal XVI al XVIII secolo.

Per la successiva festa danzante, come sempre sono due le sale: la Sala della Cornucopia, concessa agli amanti delle sonorità elettroniche (Aggrotech, Harsh, Hard Dance, Hard NRG, Hard Trance, Industrial, Industek , Nu E.B.M., T.B.M., Teknoize); la Sala del Pozzo, destinata a chi apprezza sonorità più oscure (Batcave, Cold Wave, Dark Wave, Deathrock, Gothic, New Wave, Post Punk, Synthpop,  80’s).

Alla musica si aggiungono intrattenimento magico, giocoleria e trampoli a cura della Compagnia Giullari Fiorentini.

◊◊ SALA DEL POZZO ◊◊

◊ Daluen (Die Schwarze Nacht/Gothic World): Batcave, Deathrock , Gothic, New Wave, Post Punk,

◊ Egodrom (Exenzia/Wardance): Cold Wave, Dark Wave, Synthpop, 80’ s

◊ Miss Lucifer (Batbox/Moonlight Feastival): Dark Wave, New Wave, Synthpop, 80’s

◊ Selene (Die Schwarze Nacht/Absynth Asylum): Dark Wave, Electro Goth, New Wave, 80’s

◊◊ SALA DELLA CORNUCOPIA ◊◊

◊ Luca EW (Electroworld): Industek , Nu E.B.M., T.B.M.

◊ Mr. Flesh (La Nuit de Sade): Harsh E.B.M., Industrial, Nu E.B.M.

◊ Selene (Die Schwarze Nacht/Grendel): Aggrotech, E.B.M., Hard Trance

◊ Slimer (Die Schwarze Nacht/Dynamika Staff): Electro Industrial, Harsh, Teknoize

◊ Technoid (La Nuit de Sade): Hard Dance, Hard NRG

PERFORMANCE : Intrattenimento magico curato da Haima Lusim

Powered by:

Exenzia Rock Club, Via Ettore Sambo 10, Prato, www.metalmillennium.it/

American Transfers, Via Nazionale 123 r, FIRENZE, Tel: 055218278, https://www.facebook.com/americantransfers Wardance, www.wardance.it

AUTT production www.facebook.com/official.autt.production

Electroworld www. http://electroworld.forumfree.it/

nuit8 nuit2 nuit1 nuit7 nuit6 nuit5 nuit4 nuit3

“La Nuit De Sade” è una delle più importanti serate di musica elettronica d’Italia. Ogni appuntamento è un evento irripetibile, dove elementi elettronici, dark e cyber si fondono a creare un amalgama unico, arricchito dalle immancabili particolarissime performances. “La Nuit de Sade” nasce nel 2000 da un’idea di B-Tubes e dj Massi (Lunar Motions), con lo scopo di portare innovazione nell’ambito della scena neogothic fiorentina. Le prime tre edizioni si svolgono al CPA Ex Longinotti e i primi importanti risultati non tardano ad arrivare e superano le aspettative. Grazie al supporto del CPA, di Controradio e di Novaradio, l’evento assume proporzioni inimmaginabili, con picchi d’affluenza mai registrati in analoghi eventi (oltre 1000 partecipanti a serata). I djs erano Ahndy (Decadence), Vince Mustone (NARR!), Nikita (Vidi Aquam/Rosa Selvaggia zine), Dj Massi (Lunar Motions), Hanzel (La Nuit de Sade/FDTD), Fybio (Shelter, MI) e l’electro-gothic band inglese SYNTHETIC. Per la sua quarta edizione, “La Nuit de Sade” passa al Karma Club di Livorno, con dietro la consolle Elicotrema (SCAR TISSUE/Link, BO), Fabio (Shelter, MI) e Slymer (Electrocute). La stagione 2003-2004 segna l’affermazione definitiva de “La Nuit de Sade”: l’organizzazione si struttura in maniera completa e fa dell’Indian Club di San Giuliano Terme (Pisa) il suo “head quarter”. La veste grafica è affidata alla creatività di Tuxedo “Annoying Graphic”, mentre i contatti con bands, djs e p.r. sono compresi tra i compiti di B-Tubes.

Hanno offerto la loro presenza e il loro supporto a “La Nuit de Sade” bands già affermate nel panorama underground italiano, quali XP8, Chaos/Order, Cybertron, First Black Pope, Bloody Mary, Syrian, Alteranima, ma opportunità e visibilità sono state concesse anche a bands alle loro prime esperienze live, come Mass Production, Anger, Sylicon Riot, Dark Shine e Substance M. I dj-set, continuamente rinnovati, sono stati curati in maniera minuziosa da veterani del cd-j: “La Nuit de Sade” ha, infatti, ospitato Azrael (Xp8), Blade (Roma), Selene (Selene Riot), Rikk (Chaos/Order), Fabban (Aborym), Mystica (www.kaoskulture.com/Alteranima), Cybermidian, Sailor (Roma) e nuove collaborazioni continueranno ad essere richieste.

Il 20 febbraio 2004 “La Nuit de Sade” ha ospitato l’Armageddon party, primo ed unico cyber-party-multimediale del network kaoskulture.com, fondendosi con questa micidiale realtà-comunità telematica, con l’unico ambizioso obiettivo di potenziare ed espandersi in maniera totale ed inequivocabile.

La stagione estiva 2004 vede il consolidarsi della line-up della serata : Virus_Aiz e Schlecht diverranno i dj resident proponendo dj set psy-dark trance e experimental techno trance mai ascoltati in altri electro gothic party italiani. La location varia tra il New Breed, il Matrix (dall’arredamento industrial-futuristico all’interno del quale B-Tubes ha partecipato, insieme alla performer Elektronurze, alla sua seconda performance di body modification ideata dal piercer brasiliano Alexandre Leko) e infine, dal marzo 2005, il Matilda di Pistoia (ex Panda Club) e il Metarock di Cascina (PI). Il 17 dicembre 2005 è la data che ha consacrato “La Nuit de Sade” come uno dei migliori party sul territorio nazionale, con una mega recensione edita sul paginone centrale di “Trax Magazine” accanto a mostri sacri come il Cocoricò di Riccione. “Time Won’t Matter: 12 hours for heavyweights” recitava il flyer del party. Niente di più vero: dodici ore di musica radicale dislocata in tre sale con ospiti del calibro di Soylent del Cyberdog di Londra e Phil Able di Antiworld. E tanti amici tra i quali il compianto Davide “Harlock”.

Nel 2006 lo staff de La Nuit de Sade ha presenziato al Dresscode (PI) nella mitica Patchwork Place della fu “Insomnia discoacropoli d’Italia” ed alla Villa Quattro Torri (LU), dove grazie alle arcane atmosfere dei locali, alle bellissime maschere e forse anche ad un azzeccatissimo titolo (“Il Gran ballo di Satana”, tratto da “Il Maestro e Margherita” di Bulgakov) ha rischiato il processo davanti ad una nuova inquisizione. Il 2007 è l’anno dell’Officina, un nightclub ubicato nei pressi di Lucca. Il 2008 verrà ricordato soprattutto per il party “Digital Platforms: architetture binarie per corpi in movimento” che ha avuto luogo al Lab di Livorno, uno dei club esteticamente più accattivanti per i cultori del movimento cyber. Nel 2009 La Nuit de Sade cerca di sconvolgere la scena alternativa rivoluzionando il concetto di party fin allora suo congeniale e dà alla luce “Radical: le mardi de Sade”. Nato tra le umide e fatiscenti pareti di un gay club fiorentino, il Crisco, dove lo staff propone solo musica d’amosfera, eterea, malata, urlata e straziata, accarezzata da tanti piccoli lumi come fuochi fatui, movimentata da titoli cinematografici d’autore e dalla blasfema, caprina performance di B-Tubes e Leko.

“La Nuit de Sade” ha raggiunto l’importante traguardo dei quindici anni di vita e di totale dedizione alla scena alternativa; il decennale è stato celebrato al Siddharta Alternative Club (dove le serate hanno avuto luogo fino al maggio 2012) il primo maggio 2010.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »