energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nuova allerta meteo: Carrione sorvegliato speciale Cronaca

Carrara (Massa-Carrara) – Il peggio sembrerebbe passato, aveva detto nella serata di ieri, sabato 15 novembre, il sindaco di Carrara, Angelo Zubbani. Dopo l’ordinanza di sgombero forzato delle case della “zona rossa” vicino al fiume Carrione, l’allerta meteo valido fino alla mezzanotte era passato senza danni. Ma ora Marina di Carrara torna a temere per la pioggia prevista nelle prossime ore. “Non abbassiamo la guardia”, ha spiegato il primo cittadino di Carrara. Domani, infatti, è attesa una nuova “situazione di emergenza” ed è probabile che, come ieri, le casa, gli uffici ed i negozi del piano terreno di Marina di Carrara debbano essere nuovamente evacuati. Nella serata di ieri erano state 130 le case e 43 i negozi a venir sgomberati per pauta di una nuova ondata di piena del Carrione. A Pietrasanta e Massarosa, invece, era stato parzialmente revocato il divieto di utilizzo dell’acqua potabile della rete idrica pubblica. Gaia spa e l’Asl avrebbero fatto rientrare l’allarme per la presenza di tallio negli acquedotti pubblici.

E intanto il maltempo è nuovamente alle porte. La Sala operativa unificata permantente (Soup) della Protezione Civile regionale ha emesso una nuova allerta meteo valida dalle 8.00 alle 24.00 di domani, lunedì 17 novembre. Si prevedono piogge e forti temporali in tutte le province toscane, con la sola eccezione di Arezzo. In particolare, a rischio sarebbero – ancora una volta – i bacini di Magra, Versilia, Serchio, Basso Serchio, Sieve, Medio Valdarno, Ombrone Bisenzio, Valdarno Inferiore, Reno Santerno, Foce Arno, Cecina, Cornia, Isole, Elsa, Era, Ombrone grossetano, Greve Pesa, Orcia, Bruna, Albegna, e Flora.
Si attendono forti piogge e temporali, allagamenti diffusi nelle zone depresse, tracimazioni di canali del reticolo idrografico minore, fogne che non ricevono l’acqua piovana, frane e smottamenti. Il fiume Carrione continuerà ad essere tenuto d’occhio, mentre proseguiranno le operazioni di consolidamento degli argini nella zona interessata dall’alluvione del 5 novembre.

E intanto, intorno alle 9.00 della mattina di oggi, domenica 16 novembre, un fulmine ha colpito una palazzina ad Antignano, nel Livornese. Durante un temporale particolarmente violento ed accompagnato anche da grandinate, la saetta si è abbattuta sullo stabile. Fortunatamente non vi sono state vittime né feriti, ma parte del tetto è rimasto danneggiato e sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »