energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Nuova Sars, task force operativa in Toscana Cronaca

Mentre il ministro alla sanità Beatrice Lorenzin rassicura i giornalisti a Roma, a Firenze tutto sembra procedere nel migliore dei modi: da ieri sera, infatti, la piccola di 18 mesi, nipote del giordano di 45 anni ricoverato martedì scorso con la MesCoV, non presentava più neppure la febbre. E la donna, quarantenne, collega di lavoro del cittadino che per primo aveva contratto la nuova Sars, era anche li in bune condizioni: un po' di tosse e un po' di febbre che, spiegava Alessandro Bartoloni, responsabile del reparto di malattie infettive e tropicali dell'Azienda ospedaliera, non avrebero di certo portato al ricovero e all'isolamento, "se non per questo motivo". Tuttavia, è proprio questa pparente partenza al "diesel" che preoccupa i cittadini, che ormai si allarmano al primo colpo di tosse o qualche linea di febbre. Anche se, ribadiscono i medici, per contrarre il MesCov è necessaria un prolungato e stretto contatto con il soggetto infettato. Infatti, solitamente si diffonde nei nuclei famigliari o nelle corsie di ospedale. Intanto, proseguono i controlli su tutti coloro che possono avere avuto contatti con gli ammalati, in tutto sembra, una cinquantina di persone. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »