energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Obesità: allarme in Europa, ma gli italiani ci stanno attenti Cronaca

Firenze – Allarme obesità in Europa: secondo un’inchiesta di Eurostat,  nel vecchio continente circa un adulto su sei è obeso, con grave rischio per la salute. Basandosi sull’indice di massa corporea (IMC),  l’istituto di statistica di Bruxelles ha appurato che il 16% della popolazione adulta è obesa e il 37%  è sovrappeso mentre il 2,3% , cioè uno su cinquanta, ha un’insufficienza ponderale.

L’Italia è, dopo la Romania, il paese dell’UE con il minor tasso di obesi (10,7%9 mentre la Francia si avvicina con un tasso del 15,3% è di poco inferiore alla media europea (15,9%).  Il paese afflitto dal maggior numero di obesi è Malta, dove uno su quattro soffre di peso eccessivo. Dallo studio emerge anche che età e livello di istruzione hannp, è il caso di dirlo, il loro peso. L’obesità aumenta infatti con l’età: tra i 18 e i 24 anni una persona su 20 è considerata obesa per salire a una su cinque tra i 45 a i 64 anni. Il livello di istruzione agisce ugualmente sul tasso di obesità che passa dal 19,9% di chi si è fermato alla soglia degli studi secondari  all’11,5% di chi ha intrapreso studi superiori.

Un’inchiesta dell’istituti pubblico francese di monitoraggio della salute nel paese conferma l’esistenza in Francia del problema dell’obesità. Secondo  questo studio infatti un francese su due di oltre 30 anni soffre di problemi di sovrappeso, con gli uomini più colpiti delle donne (56,8% contro il 40,9%). Anche questo studio conferma che a grave rischio di obesità sono soprattutto gli over 60 e sottolinea come la bilancia metta in luce forti ineguaglianze, con il tasso di obesità che aumenta per chi ha un livello socioeconomico più debole.

foto: Expo Rai

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »