energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ocse: italiani più diseguali, ma meno indebitati Economia

Parigi- I dati parlano chiari: nei paesi membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico le diseguaglianze sono in aumento. Secondo un rapporto pubblicato a Parigi infatti il 10% più ricco della popolazione dell’area Ocse ha un reddito 9,6 volte superiore al 10% più povero. Mai il divario è stato cosi` alto, ha denunciato il segretario generale dell’organizzazione che riunisce i 34 paesi più industrializzati del pianeta, Angel Gurria. Negli  anni ottanta la distanza tra ricchi e poveri era di 7,1 volte salito a 9,1 volte nel duemila.

In Italia, indica il documento ,  l’1% della popolazione più ricca detiene il 14,3%  della ricchezza nazionale, tre volte quello detenuto  dal 40% più povero che non arriva al 5%. La crisi poi ha aggravato la situazione, con una perdita di reddito tra il 2007 e il 2011 che è stata del 4% per il 10% più povero e dell’1% per il 10% più abbiente. In questi anni è anche aumentata notevolmente la povertà, con l’indice che è salito di 3 punti, il quinto maggiore aumento dell’area Ocse

Nel documento si rileva anche come  la ricchezza nazionale sia distribuita in Italia in modo  ben poco omogeneo, con il 20% dei più ricchi  che detiene il 61,6% della ricchezza, un ulteriore 20% , con un reddito appena inferiore, il 20,9%, e il restante 60% si deve accontentare  del  rimanente 17,4 % della ricchezza.

L’Italia si può rallegrare però su un altro fronte, quello dell’indebitamento privato. Dai dati Ocse, emerge infatti che le famiglie italiane hanno la percentuale di indebitamento più bassa , il 25,2%, davanti a Slovacchia (26,8%), Austria (35,6%) e Grecia (36,6%).  L’Italia è ben lontana dai livelli delle altri grandi economie  dell’eurozona, con la Francia che ha una percentuale del 46,8% e la Germania  del 47,4%. La Gran Bretagna arriva al 50,3% e gli Usa al 75,2%. In Italia è anche limitata l’incidenza del sovraindebitamento : solo il 2,3% ha un rapporto debito-asset superiore al 75%  e il 2,8% superiore a 3.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »