energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Opere, Rossi: “A Conte chiederò regole anti-contenzioso per sbloccarle” Economia

Firenze – Il Tribunale amministrativo regionale ha escluso oggi dalla gara per l’ultimo lotto dei lavori del nuovo ospedale di Pisa (un valore di 1,4 miliardi) tanto il primo che il secondo assegnatario e per il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi questa è stata la goccia che ha fatto traboccare un vaso già stracolmo: ora basta, ha detto ai giornalisti, bisogna fare qualcosa, altrimenti i grandi lavori restano fermi per un periodo troppo lungo: “Converrebbe di più all’amministrazione che si decidesse di risolvere queste questioni con un sistema di risarcimenti piuttosto che con il blocco dei lavori fino al pronunciamento di una sentenza che arriva dopo anni”.

Rossi è stato convocato per domani dal presidente del Consiglio Antonio Conte nell’ambito dell’offensiva del governo per sbloccare i grandi lavori anche modificando il codice degli appalti. “Prenderò come emblematico il caso dell’ospedale di Pisa per sollecitare il Governo a trovare un modo extra contenzioso amministrativo che finisce per bloccare i lavori”.

Quale potrebbe essere? “Per esempio stabilire un unico grado di giudizio, dare tempi celeri per la causa, oppure imporre un risarcimento al privato nel caso in cui l’assegnazione non sia conforme. Mettersi d’accordo che su alcune opere concordate si usa una procedura che impedisca il blocco”.

Se il Governo vuole far ripartire il Paese con gli investimenti pubblici “deve trovare il modo per neutralizzare i ritardi: non c’è gara pubblica che non finisca in un contenzioso”.

Foto: l’ospedale di Cisanello di Pisa

Print Friendly, PDF & Email

Translate »