energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Opere strategiche a Firenze. L’Udc leva gli scudi Politica

L'Unione dei Democratici Cristiani toscani in rivolta per un protocollo d'intesa fra Regione e comune di Firenze, che definiscono “accordo elemosina” e che «non scioglie i nodi della città ma anzi li ingarbuglia». Il documento è stato reso pubblico presso la nuova sede dell'Udc Toscano a Firenze e contiene gli indirizzi per la «realizzazione di alcuni interventi strategici nell'area del capoluogo toscano».

L'accordo fra Comune e Regione – In particolare esso si focalizza sul Sistema Tramviario e il Nuovo Teatro dell'Opera delle Cascine, stabilendo che le due parti «concordano di individuare, con il concorso dello stato, apposite risorse per il completamento» della struttura di quest'ultimo. Per ciò che invece concerne la tramvia fiorentina, per la quale sono a rischio i 36 milioni provenienti dall'Europa qualora essa non partisse entro il 2015, Regione e Comune dichiarano di voler «effettuare congiuntamente un attento monitoraggio dello stato di avanzamento dei lavori».

Le reazioni dell'Udc – A presentare il protocollo sono stati il segretario provinciale e consigliere regionale Marco Carraresi, il deputato Alessio Bonciani, il capogruppo in Consiglio comunale Massimo Pieri e quello in Consiglio provinciale Federico Tondi. Criticato soprattutto il fatto che l'intesa «si dimentica in massima parte di altre opere ugualmente se non più importanti, tra le quali l'aeroporto di Peretola, l'area di Castello, il nodo dell'Alta Velocità e il nuovo stadio», come ha voluto sottolineare Pieri. Durissimo anche il commento dell'On. Bonciani che ha spiegato come questo sia «un protocollo elemosina in cui il livello superiore mette una toppa ai buchi di quello inferiore», malgovernato a causa degli «eccessivi personalismi», gli ha fatto eco Carraresi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »