energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Ora legale in arrivo, consigli e accorgimenti per affrontarla Breaking news, Cronaca

Firenze – Arriva stanotte, l’ora legale, forse per l’ultima volta, secondo quanto sta discutendo l’Europa. Intanto, stanotte ci sarà il passaggio delle lancette in Italia e l’addio all’ora solare, almeno fino al 27 ottobre prossimo. Un trauma per molti, un effetto jet lag che colpisce in particolare chi ha già difficoltà a dormire. Eppure, come dicono dalla Coldiretti, con cibi appropriati si può cercare di combattere gli effetti indesiderati, vale a dire insonnia o cattivo riposo.

Intanto, chi fosse afflitto da questo “male” deve sapere che i disturbi del sonno sono molto diffusi nel nostro Paese: almeno un italiano su 5 ha difficoltà a dormire. Poi, ci sono i cibi consigliati, vale a dire quelli che inducono risposi più tranquilli. Pasta e pane, ad esempio, ma anche il riso, la lattuga, il radicchio, l’aglio e i formaggi freschi, oltre a uova bollite, latte caldo e frutta dolce.

Consigli da tenere in considerazione, in quanto il salto dell’ora produce cattive influenze sulla qualità del sonno. I rischi sono “ansia, nervosismo, malumore, mal di testa e tensione muscolare – fanno sapere dalla Coldiretti – ed è quindi importante favorire in ogni modo un corretto riposo e l’alimentazione gioca un ruolo strategico; infatti, ci si addormenta difficilmente sia a digiuno sia in caso di eccessi alimentari con cibi pesanti o con sostanze eccitanti”.

Sostanze eccitanti che non comprendono solo caffè e tè, ma anche cioccolato e cacao, oltre ai superalcolici, che tolgono la qualità del sonno. Tornando alla cena, da evitare anche cibi troppo salati o speziati.

Il segreto dei cibi che aiutano a rilassarsi? Un aminoacido, il triptofano che, dice la Coldiratti, “che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Nella dieta serale quindi – sottolinea la Coldiretti – vanno bene anche legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi, mentre gli zuccheri semplici contenuti nella frutta dolce di stagione migliorano la produzione di serotonina”. Passando alle verdure, al primo posto si piazza la lattuga, seguita da radicchio rosso e aglio, “perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il sonno, ma non mancano zucca, rape e cavoli. Anche un bicchiere di latte caldo – aggiungono dalla Coldiretti – giusto prima di andare a letto, mette in circolo elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze calmanti, presenti pure in formaggi freschi e yogurt”.

E la tradizionale camomilla? Va bene, rispondono gli esperti dell’associazione dei coltivatori, “con l’accortezza però di non lasciarla in infusione per più di due minuti, altrimenti si rischia l’effetto contrario”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »