energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Orizzonte Rinascimento, si riparte da Firenze Breaking news, Cronaca

Firenze – Il rinascimento riparte da Firenze, come forse è banale che sia. Ma non  banale in tempi di crisi, quando rinascimento significa, fra le altre cose, trasformare la crisi in opportunità. Oggi, martedì 6 ottobre 2020, presso la Sala D’Arme di Palazzo Vecchio, la ripartenza ha preso nome e forma: “ORIZZONTE RINASCIMENTOda Firenze un nuovo Umanesimo per l’Italia della Ripartenza”.

Le celebrazioni del cinquecentenario dalla scomparsa di Raffaello rappresentano, per Firenze e per l’intero Paese, la grande occasione di un ritorno al futuro. Mentre l’Italia sta imboccando faticosamente la strada di una ricostruzione economica, sociale e psicologica, il Rinascimento si pone non solo come evocazione di una storia straordinaria di ieri, ma soprattutto come opzione strategica per la ripartenza di oggi.

Dal 26 al 28 novembre i top player dell’economia, delle istituzioni e della società saranno protagonisti, all’interno della splendida cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, di una tre giorni dedicata ai temi del nuovo Rinascimento, condizione essenziale per la ripartenza del nostro Paese e del Mondo intero. Saranno trattati diversi temi, dal ruolo delle aziende e dei territori nelle sfide dell’Agenda ONU 2030 al nuovo Rinascimento delle donne, dai nuovi modelli di partnership tra istituzioni e aziende alla mobilità dolce nell’era del New Normal, dal Green New deal delle città alle strategie per trasformare il nostro immenso patrimonio artistico nel motore della ripartenza, e molti altri.

All’iniziativa partecipano Fondazione CR Firenze, Menarini group. L’evento vanta la media partnership di Sky Tg24 e RTL che, oltre ai quotidiani di MonrifQN Quotidiano Nazionaleil Resto del CarlinoLa Nazione e Il Giorno, offriranno una cronaca dettagliata dell’evento attraverso interviste e approfondimenti.

“La nostra città, l’Italia, il mondo intero, hanno affrontato una crisi senza precedenti. – ha detto il sindaco Dario Nardella – Se ne può uscire non con semplici aggiustamenti dell’esistente ma con uno sguardo inedito e un rinnovato senso di comunità. Per questo dobbiamo parlare non solo di ripartenza ma di vera e propria rinascita, di un nuovo umanesimo, a partire da quei valori che hanno fatto grande Firenze nel passato ma che sono fondamentali per affrontare il presente e il futuro. Non a caso abbiamo voluto chiamare Rinasce Firenze il grande piano che abbiamo elaborato come strategia del post pandemia, per una città ancora più vivibile, aperta, solidale, green, all’avanguardia. Questa tre giorni sarà una splendida occasione per condividere la sfida storica della rinascita, confrontarci con ospiti di altissimo livello, tracciare assieme nuovi scenari di sviluppo, raccontare progetti innovativi che guardano al futuro, buone pratiche amministrative e non solo, nel luogo più adatto per farlo, Firenze”.

Al tavolo degli interventi, oltre al sindaco di Firenze, l’editore QN Quotidiano Nazionale Andrea Riffeser Monti, il direttore QN Quotidiao Nazionale Michele Brambilla, la direttrice della Nazione Agnese Pini, l’assessore alla cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi, il consigliere speciale del sindaco di Firenze Lucia Aleotti, il consigliere speciale sindaco di Firenze Alessandro Petretto.

“La situazione economica in cui siamo, non dobbiamo nascondercelo, è una situazione economica difficile – dice Lucia Aleotti – serve una visione, come ha detto il presidente di Confindustria, sulla base della visione di quello che vogliamo che sia la nostra Italia, nei prossimi anni è necessario creare progetti che vadano tutti in questa direzione. Quindi, dal mio punto di vista è necessario remare tutti nella stessa direzione. Per quanto riguarda Firenze, serve unità d’intenti e mi sembra di vedere un lavoro molto efficace che si sta mettendo in pista, considerando anche che Firenze, come città turistica, sta soffrendo moltissimo la situazione, anche se lo spirito dei fiorentini è battagliero”.

 

 

Lucia Aleotti

Print Friendly, PDF & Email

Translate »