energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Orticoltura, torna Tuttapposto a Ferragosto: ecco il programma Spettacoli

 

Firenze – Al Giardino dell’ArteCultura (Giardino dell’Orticoltura – Firenze) torna “Tuttapposto a Ferragosto”, la rassegna di musica lunga una settimana ad ingresso libero, ormai giunta alla terza edizione. Da venerdì 12 a venerdì 19, una band diversa prenderà posto sul palco ogni sera dalle ore 19 in poi, dando vita ad uno straordinario show dedicato a tutti i fiorentini (e non) che trascorreranno la settimana più calda dell’anno in città. Immancabile il chiosco caffetteria che allieterà i palati degli avventori con drink, gelati e altre gustose proposte. Ma entriamo nel vivo della rassegna e vediamo chi sono le band selezionate per la terza edizione.

Venerdì 12 apre le danze Heidi Li, talentuosa cantautrice originaria di Hong Kong che presenta, nella splendida cornice del Giardino dell’ArteCultura, il suo progetto neo soul pop con un tocco di jazz proponendo una musica coinvolgente e raffinata.Dalla melodia pop, alla classica canzone soul con armonia jazz, alle composizioni ritmicamente più complesse; il repertorio presenta una diversità di idee musicali, pur mantenendo un suono coerente e riconoscibile. Heidi (voce e tastiere) è accompagnata da Ruggero Fornari (chitarra), Luca Giachi (basso) e Duccio Bonciani(batteria).

Sabato 13 è la volta di Freddie Maguire. La serata sarà a base di travolgente rock blues con il cantante italo-americano, appena tornato da una trionfale tourné in Messico, in compagnia di Lorenzo Nardi (batteria) e Fabio Marzaroli(chitarra).Il loro è un repertorio fatto di groove, energia, melodie molto ballabili e di grande qualità, ingredienti che li hanno portati a essere una delle band più apprezzate del panorama fiorentino.

Domenica 14 tornano sulla scena del Giardino i Rabarbari, scatenato trio conosciuto per le composizioni originali e i classici riarrangiati in chiave swingata/rabarbarata. Durante il loro live sarà facile trovare vari generi che spaziano dal jazz alla bossa nova, dallo swing classico a quello più funkeggiante, nel nome dell’aspetto ludico e “messaggero” della musica.Sul palco Luca Frosinini (voce e chitarra), Duccio Bonciani (percussioni) e Fulvio Ponzio.

Lunedì15 Il Ferragosto porta in scena l’Alien Roy Trio, una delle band più interessanti e innovative del panorama e toscano. L’originale show sospeso tra jazz, swing, bossa nova e fusion sarà realizzato dal talento e dall’esperienza di Roy Binder Galluppi (tastiere/piano elettrico), Corrado Cerbara (basso) e Leonardo Antonini (batteria).

Martedì 16 la terza edizione della rassegna prosegue con la performance Led Kayal Trio con il loro inconfondibile sound: un vortice di fun, soul e acid jazzche promette un’indimenticabile serata di musica dalle atmosfere travolgenti. Il repertorio prevede brani originali (composti ed arrangiati da Led Kayal) e cover di alcuni dei maggiori artisti internazionali. Sul palco Led Kayal (voce/chitarra), Michele Zamparini (batteria) e Carlo Bonamico (basso).

Mercoledì 17 “Tuttapposto a Ferragosto” non si ferma e per questo giorno i riflettori si accendono sui Tea for Three, un trio che nasce dall’unione di tre musicisti con la stessa passione per lo swing, che propone per la serata al Giardino dell’ArteCultura uno spettacolo con un repertorio che spazia principalmente dallo swing degli anni ’40 agli standard jazz, senza escludere la Bossa Nova e brani strumentali, in cui una voce calda e avvolgente si alterna con le improvvisazioni strumentali del pianoforte e della chitarra.Sul palco Elena Guarducci (voce e rullante), Stefano Montagnani (chitarra), Riccardo Bonciani(pianoforte ewalkingbass).

Giovedì 18 Il palco del Giardino accoglie Francesco Rainero, cantautore fiorentino con il suo Francesco Rainero in Duo: un progetto di musica acustica dal vivo (voce, chitarra e piano) che propone un viaggio nella musica cantautorale italiana insieme ad alcuni brani inediti che faranno parte del disco di Francesco Rainero di prossima uscita, dal titolo “Mancino”; il tutto sempre in lingua italiana, riarrangiate e proposte in modo intimo e moderno. On stage Francesco Rainero (voce/chitarra) accompagnato da Vieri Cardinali (piano).

Venerdì 19 il gran finale della terza edizione viene affidato ai MetchèDershè. La formazione, attiva dal 2011, si cimenta in un repertorio ethio-jazz, una musica che parte dalla tradizione, nel caratteristico sound delle melodie e nelle poliritmie afrobeat, e che si apre alla ricerca di un originale mood d’improvvisazione. Sul palco Claudio Ingletti(sax tenore), Maurizio Piccioli (chitarra), Leonardo Baggiani (basso) e Alessandro Suggelli (batteria).

Il Giardino dell’ArteCultura è anche social: i programmi delle serate saranno costantemente aggiornati sulla fanpage ufficiale di Facebook all’indirizzo facebook.com/giardinoartecultura2 oltre che sul sito www.giardinoartecultura.it.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »