energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Orto in condotta: proseguono le iniziative a Capannori Notizie dalla toscana

Capannori (Lucca) – E’ ripreso nei giorni scorsi all’istituto comprensivo di Camigliano il percorso del secondo anno di formazione rivolto ai docenti delle scuole che hanno aderito al progetto ‘Orto in Condotta’ promosso da Slow Food nazionale, insieme a Slow Food Lucca-Compitese-Orti Lucchesi e al Comune di Capannori. Progetto che coinvolge 15 scuole degli istituti comprensivi capannoresi, da quelle dell’infanzia fino alle secondarie di primo grado, per un totale di 400 bambini e ragazzi che sono diventati piccoli agricoltori. Il tema di quest’anno è l’agricoltura familiare avendo le Nazioni Unite nominato il 2014 ‘Anno dell’agricoltura familiare’, riconoscendone un ruolo essenziale nella lotta alla fame e nella costruzione di uno sviluppo sostenibile. L’incontro formativo è stato tenuto da Bonaldo Agresti, formatore Slow Food e fiduciario della Condotta di Pistoia, che ha illustrato ai docenti alcuni principi essenziali dell’agricoltura alimentare ed è intervenuto sui temi della stagionalità e della territorialità, nonché su alcune nozioni fondamentali presenti nella normativa sulla conservazione e la distribuzione del cibo.

“ ‘Orto in condotta’ si sta rivelando un’esperienza molto positiva – sostiene il vice sindaco, Lara Pizza –, perché oltre a dare una buona educazione alimentare ed ambientale alle nuove generazioni, dà la possibilità di aprire le scuole anche a genitori e nonni, di formare una comunità dell’apprendimento aperta a tutti, di scambiare esperienze tra generazioni. Un progetto inoltre che consente di conoscere il territorio con le sue biodiversità ed anche coloro che come artigiani, produttori e chef, ci vivono e ci lavorano”.

“Capannori rappresenta un’esperienza importante – affermano Giorgio Dalsasso e Paola Bosi della condotta Slow Food di Lucca, Compitese e orti Lucchesi -, perché grazie a questo progetto nuclei familiari, nonni, piccoli gruppi, esperti, stanno dando vita ad una vera e propria ‘comunità del cibo’, per preservare il territorio, incoraggiare un’identità e una salvaguardia delle tradizioni, in armonia con la natura e il paesaggio: ‘Orto in condotta’ vuole costruire un’educazione e una cultura attente ad un cibo ‘buono, pulito, giusto’!. E’ davvero importante diventare tutti più consapevoli nelle scelte che, quotidianamente, facciamo nel nostro accostarsi all’alimentazione”.

Al termine dell’incontro sono stati ricordati alcuni prossimi appuntamenti in programma sul territorio sul tema dell’agricoltura e dell’alimentazione, tra cui gli incontri del gruppo di formazione degli istituti di Capannori, che affronteranno il prossimo 7 gennaio, con Fabio Pracchia e Marco Del Pistoia, temi assolutamente fondamentali quali la biodinamica e la biodiversità.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »