energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Otto Comuni del Chianti insieme per “alleggerire” l’Imu Società

Collaborazione e sinergia: su questo magico motto 8 comuni del Chianti puntano per mettere in campo un'Imu meno dura per i cittadini.
Come? Utilizzando la condivisione dei criteri di applicazione della nuova imposta sulla casa,  individuando  un metodo di applicazione sulla base di una sinergia che unisce tutti i territori in finalità e vocazioni e che ha già riscontrato esiti positivi con il regolamento comune dell’applicazione dell’imposta di soggiorno. Una "mossa" che si compendia in un segnale vivace di apertura e sostegno al mondo produttivo e agricolo.

Gli otto Comuni del Chianti, Barberino Val d'Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano in Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa, nei giorni scorsi si sono incontrati per sviluppare un accordo sul delicato tema.
“Si tratta di un ulteriore passo in avanti nella collaborazione e sinergia avviata tra i Comuni del Chianti – dichiarano i sindaci – è stato un accordo sull’imposta più importante introdotta dal Governo Monti e costruito sugli obiettivi condivisi di giustizia fiscale e solidarietà che caratterizzano il nostro territorio. L’intento primario è stato quello di fare in modo di contenere il più possibile l’applicazione delle tasse sulla prima casa secondo le reali possibilità di risorse nei bilanci di ciascun Comune. Si tenderà, in particolare, a mantenere l’aliquota più bassa possibile per la prima casa; al minimo per le seconde case affittate a canone concordato e sarà applicata un’aliquota leggermente più alta per gli altri tipi di contratto di affitto. Per le case sfitte, invece, applicheremo criteri che mirino a ricollocare sul mercato degli affitti il patrimonio abitativo disponibile sui territori e al contempo contrastare eventuali fenomeni di affitto a nero”.

“Abbiamo, inoltre, voluto dare – proseguono gli amministratori comunali – un segnale forte alle attività artigianali, commerciali e produttive non applicando la tariffa massima nei rispettivi settori e, per quanto riguarda il mondo agricolo, presidio di tutela dell’ambiente e del paesaggio chiantigiano, pur applicando tariffe differenziate in ciascun Comune, in nessun caso si tratterà del tetto massimo dell’imposta”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »