energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Palazzo Bnl via Cerretani, da “tutto direzionale” a commerciale-residenziale Politica

Firenze – A Firenze si “può cambiare”. L’esempio?  Passa la delibera che, attivando la scheda del regolamento urbanistico a AT 12.39 Cerretani del Regolamento Urbanistico, consente alla Bnl, o meglio, al palazzo di cui è proprietaria, di passare da interamente direzionale anche a commerciale e residenziale.  La delibera è stata presentata dall’assessore all’Urbanistica Lorenzo Perra: con il passaggio,  viene definita anche la monetizzazione relativa all’intervento, quantificata dalla direzione Patrimonio in un valore complessivo di 424mila euro.

“La direzione Urbanistica – ha spiegato l’assessore Perra – ha interpellato le direzioni competenti in materia di interventi, in particolare la direzione Mobilità e la direzione Servizi tecnici che hanno manifestato l’esigenza di intervenire sulle strade Panzani e Cerretani con il rifacimento dei marciapiedi e del selciato e di intervenire sulla fibra FiNet per estendere il sistema di wifi pubblico del Comune di Firenze e installare nuove telecamere nell’area. Un piccolo intervento ma significativo – ha proseguito Perra – che ci permette di finanziare la riqualificazione delle strade e il potenziamento della fibra e della sicurezza in un’area centrale della città”.

Nel dettaglio, 374mila euro saranno destinati al rifacimento di strade e marciapiedi e poco meno di 50mila a telecamere e fibra. E proprio sulla questione telecamere si avvia un dibattito molto forte fra il consigliere di FdI Francesco Torselli e l’assessore. Infatti, obietta Torselli, “se si prelevano 49mila euro dall’intera somma della compensazione per installare una telecamera all’angolo di via de’ Cerratani, se ne prelevino almeno altrettante per installarle in quelle zone periferiche in cui vengono richieste dai cittadini”. Secondo il consigliere di FdI, parrebbe che la richiesta dell’installazione di telecamere proverrebbe dalla Questura, “per controllare le manifestazioni”. Voci smentite dall’assessore Perra, che ribatte che si tratta di decisioni prese dal tavolo per la sicurezza, dove sono rappresentati sia il Comune, che la Prefettura, che la Questura, che altri soggetti istituzionali. Torselli propone un emendamento in merito, che viene respinto.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »