energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Pam, 45 dipendenti licenziati o trasferiti, sabato torna lo sciopero Cronaca

Firenze – Si va al muro contro muro fra sindacati e azienda, per quanto riguarda la questione che vede 45 lavoratori Panorama costretti a scegliere fra licenziamento o trasferimento. Lo sciopero scorso, tenutosi il 30 dicembre, coronato da successo come ricorda l’Usb, non sembra aver condotto la parte datoriale al confronto richiesto dai lavoratori. Così, l’assemblea dei lavoratori, sostenuta dai sindacati, Cgil, Cisl e Uil nonché Usb che era già scesa in lotta nello sciopero del 30 accanto ai lavoratori, ha deciso di intensificare le azioni di contrasto ai licenziamenti. E’ stato deciso anche, insieme al fronte sindacale, un pacchetto di ore di sciopero pari a 45, un’ora, specifica l’Usb “per ogni lavoratore che rischia il posto”. Inoltre si terrà anche un presidio, davanti al Centro Commerciale I Gigli dalle 9 alle 13Le modalità per le iniziative che seguiranno verranno decise e comunicate di volta in volta, finché l’azienda non deciderà di sedersi al sospirato tavolo che consenta di giungere “a posizioni condivise che portino al superamento dei 45 esuberi/licenziamenti”.

Fra le alternative di trasferimenti rispetto al licenziamento, l’azienda ha proposto ai dipendenti (che in totale sono 142) la sede di Ariccia (Roma), Torino o Genova. Per quanto riguarda le motivazioni prodotte dall’azienda, la procedura di esubero sarebbe giustificata dal calo delle vendite (nel 1997 il negozio si estendeva su 15mila metri quadri, con l’ultima ristrutturazione in corso lo spazio vendita diventerà di circa 5mila) e con problemi di garanzia di copertura-orari durante le domeniche.

Tra le altre cose, ricordano i sindacati, i 45 dipendenti, sia uomini che donne, hanno un’età media sui 45 anni: nessuno è vicino alla pensione e quasi tutti hanno famiglia e figli. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »