energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Pane quotidiano, attecchiscono le frodi e cresce chi se lo fa in casa Società

Firenze – Rimane il pane, l’alimento più caro agli italiani, nonostante il consumo stia scendendo: ne consumiamo  circa 90 grammi a testa al giorno, rispetto ai 120 grammi del 2010 o ai 180 grammi del 2000, come informa la Coldiretti. Tuttavia, il volume d’affari che gira intorno a pane, grissini, crackers rimane di tutto rispetto, circa 8 miliardi di euro all’anno, abbastanza per renderlo appetibile alle grinfie della criminalità organizzata. E allora ecco che spuntano panificazioni clandestine, utilizzo di sottoprodotti e soprattutto frodi che mettono a rischio la salute di tutti noi. 

La ricaduta sui consumi di questo antico e quasi sacrale alimento è di vario genere. In ogni caso, le famiglie italiane al momento spendono circa 30 euro al mese per l’acquisto di pane, mentre, secondo l’indagine svolta da Coldiretti/Ixè, il 37% degli italiani si reca dal fornaio una volta al giorno, il 16% vi si reca una volta ogni due giorni, il 22% due volte alla settimana e l’11 per cento appena una volta alla settimana. Del resto, le frodi hanno fatto aumentare la diffidenza nei confronti del pane “acquistato”, anche se non ci si rinuncia: o si va a comperarlo dal contadino che “lo fa in casa”, oppure ci si trasforma in panettieri uso proprio. Sono infatti 16 milioni gli italiani che, almeno una volta all’anno, consumano pane fatto da se stessi in casa. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »