energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Papa Francesco pranza con i poveri Cronaca

Firenze –  Entra con la tesserina, come un signore qualunque che va a mangiare alla mensa della Caritas. Sul desco, ribollita, purè, insalata, formaggio e macedonia. e alla fine, un goccio di vinsanto con qualche cantuccino. E’ il Papa, Francesco, che se ne sta in mezzo a circa 60 persone, tutte unite della tesserina che permette loro di mangiare alla mensa Caritas. E che certifica il loro status: poveri. La stessa tesserina che ha esibito il Papa all’ingresso. Una battuta anche sula responsabile che ammoniva gli ospiti affinchè si mettessero a sedere nel refettorio: “Avete anche la papessa”. 

Papa Francesco era arrivato in piazza Duomo a Firenze contornato da ali di folla che lo inondavano d’applausi, questa mattina, dopo il bagno di folla di Prato. Al suono delle chiarine di Palazzo Vecchio , è sceso dalla papamobile a fianco del Battistero. Dopo la cerimonia in Cattedrale, si è recato a SS.Annunziata, portando un saluto ai malati. “Papa Francesco ha benedetto tutti i presenti, ha donato a ciascun malato un rosario e un santino, e, per quanto riguarda mio padre, quando l’ha avvicinato l’ha ringraziato per il suo sacrificio e anche per il lavoro che fanno per lui i carabinieri e altre forze dell’ordine”. come ha riferito Martina Giangrande, figlia del sottoufficiale Giuseppe Giangrande ferito nel 2013 davanti a Palazzo Chigi. Da qui, a piedi, è andato alla mensa della Caritas.

papa alla caritasIn Santa Maria del Fiore,  alcuni dipendenti dell’Opera di Santa Maria Fiore hanno donato al Santo Padre il libro OPERA VIVA con le immagini dei volti e le storie di tutte le persone impegnate nella straordinaria azione collegiale di conservazione del patrimonio artistico e culturale della Cattedrale di Firenze. A consegnare al Papa il libro, Ilaria Staderini,  Cristian Ducceschi,  Marco Fredducci , Enrico Viviano e l’autore della fotografie Michele Pecchioli.

In precedenza il Papa era stato accolto in Battistero dal proposto della Cattedrale monsignor Giancarlo Corti, dal presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore Franco Lucchesi e dal diacono della Cattedrale Alessandro Bicchi che gli ha offerto  una croce da altare in bronzo dorato e radica di noce di scuola fiorentina del settecento perché il papa la baciasse e l’aspergesse con acqua benedetta. Quindi il presidente Lucchesi gli ha consegnato due medaglie commemorative che l’Opera del Duomo ha fatto coniare per l’occasione e il cardinale Betori gli ha presentato tutti i componenti del consiglio di amministrazione della fabbriceria, accompagnati dal segretario generale.

Il Papa si è soffermato alcuni minuti davanti alla ‘Crocifissione bianca’ di Marc Chagall (1938) che è stata trasportata eccezionalmente in Battistero dalla mostra ‘Divina bellezza’, in corso a Palazzo Strozzi, per essere mostrata ai convegnisti e perché lo stesso Papa Francesco lo ha definito il suo dipinto preferito. L’opera gli è stata illustrata dal direttore di Palazzo Strozzi Arturo Galansino e da Douglas Druick, Direttore dell’Art institute di Chigago che è proprietario dell’opera.

Per desiderio del cardinale Betori, l’organista musicologo Gabriele Giacomelli ha eseguito alcuni brani di Domenico Zipoli, il gesuita nato a Prato (1688) e morto in Argentina (1726) molto apprezzato dal pontefice tanto che, una decina di anni fa, ha voluto le sue musiche per la messa solenne che è stata celebrata per la fine del restauro della chiesa di Sant’Ignazio a Buenos Aires.

Foto: Vittoria Mazzoni copertina, interna Silvana Grippi

Print Friendly, PDF & Email

Translate »