energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Papa: interrogazione della Senatrice radicale Poretti sui costi per Arezzo Cronaca

Duro intervento della rossa senatrice del Partito Democratico, la Radicale Donatella Poretti, che dopo aver letto l’articolo di Stamp Toscana del 1 maggio sui costi generali della visita del Papa ad Arezzo del prossimo 13 maggio, e dei contributi elargiti da Regione e Comune, come di quelli prossimi di Provincia e Governo, inorridita per tale “spreco di denaro pubblico”, ha deciso di chiedere lumi al Ministro dell’Economia, che poi in realtà è il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti – colui che a nome del Governo italiano accoglierà Benedetto XVI ad Arezzo – e al Ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant'Agata. Per inciso i fondi dati dalla Regione e dal Comune, come quelli di Provincia e Governo, alla Curia della diocesi italiana che ospita di volta in volta il Papa è una normale misura adottata fin dai viaggi di Giovanni XXIII in poi per tutti i Papi, in base al Concordato tra Stato e Chiesa del 1929. Concordato che più volte i Radicali non solo hanno contestato ma anche preteso venisse annullato, come chiedono da tempo che venga abolita la distribuzione dell’8×1000 alla Chiesa Cattolica.

“Nei prossimi giorni – scrive in una nota stampa la Senatrice aretina Poretti –  Papa Benedetto XVI effettuerà una visita Pastorale in terra toscana, che interesserà la diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e le città di Arezzo e il Santuario della Verna. Si apprende che  il costo della visita ammonta a 500mila euro. Più precisamente, sono 120 mila euro quelli che stanzierà la Regione Toscana, 90 mila quelli del Comune. Ad oggi non e' ancora chiaro il contributo della Provincia e quello a carico della diocesi tramite offerte dei fedeli ed enti vari. Inoltre, apprendiamo anche che il Governo si farà carico di parte delle spese e che per gli spostamenti è consuetudine utilizzare gli elicotteri dell'Aeronautica Militare Italiana”. 

Riprendendo poi il lungo elenco pubblicato da Stamp Toscana delle persone vaticane che viaggiano con il Papa nelle sue visite pastorali in Italia,  la Senatrice prosegue informando che “per tutte queste ragioni insieme al collega Marco Perduca (fiorentino, anche lui Senatore del Partito Democratico e Radicale ndr)  – abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro dell'Economia e degli Affari Esteri, per sapere:  se corrisponde al vero che il Governo intenda contribuire alle spese anche economicamente, con quali e quanti fondi e a che titolo; quanti soldi sono stati stanziati in passato e su quale voce di bilancio incidono;  quanto costano all'anno i voli in carico all'Aeronautica Militare e se lo stesso trattamento viene fatto per tutti i capi di Stato esteri che vengono in visita nel nostro Paese; quanto spende annualmente il Governo italiano per i servizi di sicurezza dovuti alla presenza del Pontefice in Italia”.

Chissà se i due Senatori Radicali-Democratici sanno che questo pomeriggio il Consiglio Regionale, per decisione del Presidente Alberto Monaci, ha aperto le porte del proprio palazzo all’Arcivescovo di Arezzo Monsignor Riccardo Fontana, organizzando appositamente una solenne seduta straordinaria dell’Assemblea Parlamentare Toscana per sentire dalla viva voce del Pastore di Arezzo cosa avverrà durante la visita papale e perché il Papa ha scelto di venire a visitare la nostra regione. E’ la prima volta che ciò avviene, in quanto mai il Consiglio Regionale ha organizzato una seduta solenne in occasione delle numerose visite in Toscana di Papa Giovanni Paolo II.

Davanti ad una trentina di Consiglieri, dopo le riflessioni del Presidente Alberto Monaci, lArcivescovo Fontana ha preso la parola, e per 15 minuti ha parlato all’assise toscana, ribadendo quello che ha già detto in numerosi incontri aretini e nelle varie conferenze stampa. “La visita del Papa – ha detto l’Arcivescovo – è un regalo per Arezzo e un gesto di attenzione per tutta la Toscana. Uno sprazzo di futuro per tutta la Toscana, affinchè si riprenda presto da questa crisi economica”.

Questo il testo integrale dell’interrogazione dei Senatori Donatella Poretti e Marco Perduca al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Ministro degli Esteri

Premesso che:
domenica 13 maggio 2012 Papa Benedetto XVI effettuerà una visita Pastorale in terra toscana, che interesserà la diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e le città di Arezzo e il Santuario della Verna;
considerato che agli interroganti risulta:
per il viaggio in Toscana del Pontefice, il costo della visita ammonta a 500mila euro. Più precisamente, sono 120 mila euro quelli che stanzierà la Regione Toscana, 90mila quelli del Comune;
non e’ ancora chiaro il contributo della Provincia e quello a carico della diocesi tramite offerte dei fedeli ed enti vari;
Si apprende che:
anche il Governo si farà carico di parte delle spese e che per gli spostamenti è consuetudine utilizzare gli elicotteri dell’Aeronautica Militare Italiana;
considerato che:
solitamente, con il Pontefice viaggiano il suo segretario personale, il Prefetto della Casa Pontifica, il Reggente, l’assistente, numerosi uomini della scorta vaticana, composta da agenti della Gendarmeria, guidata dall’aretino Domenico Giani, e della Guardia Svizzera, i cerimonieri, i fotografi e giornalisti dell’Osservatore Romano, gli operatori della Tv e Radio Vaticana, il cameriere e il medico personale;
per sapere:
– se corrisponde al vero che il Governo intenda contribuire alle spese anche economicamente, con quali e quanti fondi e a che titolo;
– quanti soldi sono stati stanziati in passato e su quale voce di bilancio incidono;
– quanto costano all’anno i voli in carico all’Aeronautica Militare e se lo stesso trattamento viene fatto per tutti i capi di Stato esteri che vengono in visita nel nostro Paese;
– quanto spende annualmente il Governo italiano per i servizi di sicurezza dovuti alla presenza del Pontefice in Italia

Foto: www. droghe.aduc.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »