energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Paralimpiadi, i 100 metri femminili sono tutti azzurri, l’oro è toscano Breaking news, Sport

Tokyo – La tripletta nella finale dei 100 metri femminili alle Paralimpiadi fa sussultare d’orgoglio l’Italia, ma in particolare la Toscana, che vede sul gradino più alto del podio salire Ambra Sabatini, 19enne, nata a Livorno ma residente a Porto Ercole, che realizza, con il 14’11 il recordo del mondo. Straordinarie anche le altre due atlete, l’argento Martina Caironi, 31enne originaria di Alzano Lombardo (Bergamo) e residente a Bologna (14”46) e il bronzo Monica Graziana Contrafatto, 40enne originaria di Gela (Caltanissetta) e residente a Roma (14”73).

“Un oro e un record del mondo che riempiono d’orgoglio tutta la Toscana – sono le parole con cui il presidente della Regione Eugenio Giani accoglie la notizia della vittoria di Sabatini – è bellissimo che sul podio ci siano tre atlete italiane e vedere una ragazza toscana su gradino più alto è un’emozione straordinaria. Grazie Ambra”.

 A Rai Sport l’atleta toscana,  dopo l’oro conquistato nei 100 metri femminili categoria T63 alle Paralimpiadi di Tokyo, ha detto: “Vincere è bellissimo. Però il podio a tre…era proprio quello che sognavamo”. “Cinque anni fa avevamo detto che aspettavamo la terza”, ha aggiunto Martina Caironi, argento, riferendosi proprio alla Sabatini. A Rio 2016, infatti, Caironi si era aggiudicata l’oro nei 100 metri e Monica Graziana Contrafatto il bronzo. “Siamo state forti. La prova finale – aggiunto Caironi – è stata la pioggia, non potete capire”. Monica Graziana Contraffatto ha detto: “Io voglio dedicare la mia medaglia a quell’altro Paese che mi ha tolto qualcosa ma in realtà mi ha dato tanto, l’Afghanistan”. E’ stato infatti in Afghanistan, nel 2012, mentre era in missione come caporal maggiore dei bersaglieri, che venne ferita dalle schegge di una bomba, subendo l’amputazione della gamba destra.

Alle tre atlete sono giunte anche le congratulazioni del Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

foto: FISPES – Ambra Sabatini: #nuoveambizioni 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »