energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Parole, musica e visioni al Fahrenheit Festival Cultura

Dopo il successo della versione invernale, torna sul palcoscenico sangiovannese il Fahrenheit Festival, dedicato ad Antonio Tabucchi, lo scrittore deceduto a Lisbona il 25 marzo di quest’anno.
Molte le novità. La prima è che, da questa edizione, il festival non sarà più organizzato dal caffè letterario, ma dalla appena costituita Associazione culturale "Fahrenheit Festival", nata dalla volontà di un gruppo di amici di sostenere un evento del tutto indipendente che costituisce un unicum nel panorama della Provincia di Arezzo. L’associazione si occuperà di tutte le questioni logistiche, organizzative ed economiche, determinando un cambiamento rilevante nel festival che diviene così evento stabile all’interno delle manifestazioni dei comuni del Valdarno.
Per la musica, dall’ormai rodata collaborazione con "Valdarno Jazz", arriverà il Gaga Quartet  un gruppo che spazia dal jazz al funk, al rock e alla musica sudamericana, attualmente impegnato a registrare il disco d'esordio.
Il 2012 è anche l'anno della collaborazione con "Oriente Occidente", il festival dedicato alle musiche migranti e alle tradizioni in movimento che il 19 luglio porterà in concerto sul palco di San Giovanni Valdarno Jacopo Incani, un giovane sardo, residente da otto anni a Bologna che nel gennaio 2008 ha lanciato il progetto Iosonouncane, allorché, disoccupato da almeno un mese, e grazie all’assegno dell’Inps, compra un campionatore e una loopmachine, senza sapere bene che cosa fossero. Il suo album La macarena su Roma è un disco sull’Italia di oggi e sui fatti di cronaca più noti. 
Per la parte letteraria, mercoledì 18 luglio sul palco di piazza Cesare Battisti, saliranno Enrico Manicardi con L'ultima era (Mimesis), Sasha Naspini con Le nostre assenze (Elliot Edizioni) e Alessandro Benvenuti, da sempre legato al territorio del Valdarno, con Zio B. (Sam Edizioni), il suo ultimo libro.
Come ogni anno, il festival ospiterà un esordio editoriale: il 19 luglio Giorgio Caponetti presenterà il suo Quando l'automobile uccise la cavalleria, edito da Marcos Y Marcos. Pubblicitario di fama nazionale, ad un certo punto delle vita ha abbandonato le “campagne” per dedicarsi alla campagna: da trent'anni la sua vita ruota intorno ai cavalli, coniugando le sue capacità di comunicazione con la passione equestre.
Giovedì 19 luglio, sarà la volta di Federica Cappelletti e Paolo Pablito Rossi  con 1982-Il mio mitico mondiale (Kowalski), in cui, a trenta anni di distanza dall’indimenticabile 1982, ripercorre i giorni che gli hanno dato grande fama fino alla finalissima Italia-Germania e alla vittoria rimasta per sempre nella memoria degli italiani. Un libro che è la testimonianza di un grande calciatore ma anche il ricordo di un campionato indimenticabile.
Presenterà il Festival Fabio Lucaccini, ideatore e conduttore di trasmissioni televisive.

Ingresso libero con inizio alle 20,30
Info: www.FahrenheitFestival.it

Giovanna Focardi Nicita

Print Friendly, PDF & Email

Translate »