energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Parte della scatola nera della Costa Concordia verrà trasferita a La Spezia Cronaca

Da Grosseto, l’incidente probatorio sulla scatola nera della Costa Concordia si sposta a La Spezia. Lo ha deciso oggi, 2 aprile, il collegio dei periti nominato dal giudice per le indagini preliminari del capoluogo maremmano, Valeria Montesarchio. I laboratori dell’industria Oto Melara della città spezzina sono stati ritenuti i migliori per la duplicazione delle memorie digitali del Vdr (Voyage data record) della nave da crociera naufragata nelle acque del Giglio il 13 gennaio. Assieme ad alte componenti informatiche, il Vdr verrà copiato e da esso verranno acquisiti tutti i dati utili alla ricostruzione di quanto accadde la notte del naufragio nella plancia della Costa Concordia. I locali della Oto Melara sono stati ritenuti i più idonei in quanto isolati da interferenze elettromagnetiche. La riproduzione della scatola nera era stata inizialmente prevista per il 27 marzo presso l’Ansv (Agenzia nazionale per la sicurezza del volo) di Roma, ma era stata rinviata. Mentre una parte della scatola nera rimarrà custodita presso gli uffici giudiziari di Grosseto, dunque, il Vdr verrà trasferito in Liguria per essere duplicato dai tecnici della ditta tedesca che ha prodotto il software informatico che le ha permesso di funzionare. A queste operazioni parteciperanno i periti del gip maremmano ed i tecnici del Gat (Gruppo antifrodi telematiche) della Guardia di Finanza.

 

Foto: http://www.viagginews.com

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »