energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Partecipate, le più forti sono s.p.a. “controllate” dei servizi Economia

Roma –  Nel 2013 sono 10.964 le unità per le quali si  registra una forma di partecipazione pubblica in Italia: 7.767 quelle attive, di cui 6.120 partecipate da una amministrazione regionale o locale con 486.676 addetti. Gli addetti di tutte le partecipate sfiorano il milione (953.100 addetti).  Il 57,6% delle unità d’impresa analizzate è partecipato da soggetti pubblici per una quota maggiore del 50% (le cosiddette “controllate”), il 13,8% per una quota compresa tra il 20% e il 50%, il 28,6% per una quota inferiore al 20%.  Le controllate sono 4.715 imprese, per un totale di 661.919 addetti e generano un valore aggiunto di 57 miliardi: i maggiori utili sono ricavati dalle controllate dei servizi elettricità, gas, acqua e rifiuti. Sono alcuni dei dati divulgati oggi da Istat nel rapporto statistico “Le partecipate pubbliche in Italia – 2013“.


Tra le unità a partecipazione pubblica, le imprese attive sono 7.767 e impiegano 927.559 addetti, corrispondenti al 97,3%
degli addetti di tutte le partecipate. La dimensione media delle imprese partecipate è di 119 addetti per impresa. La forma giuridica con la dimensione media maggiore (307 addetti per impresa), è la società per azioni, scelta dal 31,8% delle imprese partecipate, che ha un peso in termini di addetti dell’81,6% sul totale delle imprese partecipate.

Infografica e dati Istat – Imprese e addetti delle imprese partecipate pubbliche per settore di attività Anno 2013
Parteicpate Istat 2013 settori
Il settore di attività economica con il maggior numero di imprese attive partecipate da un soggetto
pubblico è quello delle Attività professionali, scientifiche e tecniche, con il 13,9% di imprese e il 2,7% di addetti.
Il settore che impiega invece il maggior numero di addetti è quello del Trasporto e magazzinaggio, che raccoglie il 37,4% di addetti e il 10,3% di imprese. Nel 23,3% dei casi la sede delle imprese partecipate è situata nel Centro Italia (54,4% degli addetti).

Infografica e dati Istat. Imprese e addetti delle imprese partecipate pubbliche per ripartizione territoriale e regione della sede d’impresa. Anno 2013

Partecipate Istat areeNel 23,3% dei casi la sede delle imprese partecipate è situata nel Centro Italia (54,4% degli addetti) – click sulla tabella per ingfandirla. La dimensione media delle imprese partecipate con sede nel Centro è di 279 addetti per impresa ed è fortemente influenzata dalle imprese localizzate nel Lazio dove gli addetti delle partecipate sono 431.195 (afferenti a 751 imprese) sul totale 504.858 degli addetti di tutto il Centro. In Toscana gli addetti delle partecipate sono 58.832 afferenti a 657 imprese partecipatre

Su 7.767 imprese attive partecipate, quelle partecipate da almeno una amministrazione pubblica regionale o locale ammontano a 6.120, per un totale di 486.676 addetti.

Se si restringe il campo di osservazione alle imprese controllate, cioè con partecipazione pubblica maggiore del 50% del capitale, si individuano 4.715 imprese, per un totale di 661.919 addetti. Al netto delle attività finanziarie e assicurative, le imprese a controllo pubblico generano complessivamente oltre 57 miliardi di valore aggiunto (circa l’11% di quello complessivo delle imprese dell’industria e dei servizi).
La composizione settoriale e dimensionale delle aziende controllate dalla Pubblica Amministrazione influenza i livelli di produttività del lavoro (misurata in termini di valore aggiunto per addetto), pari a circa 87 mila euro, rispetto ai circa 56 mila euro del totale delle imprese.
Circa due terzi delle controllate hanno registrato un utile d’esercizio nel 2013 (poco meno di 1 miliardo di euro). I settori che generano i maggiori volumi di utile sono la Fornitura di energia elettrica e gas (702 milioni) ed i Servizi idrici e gestione dei rifiuti (348 milioni). Il settore con i maggiori volumi di perdite è quello dei Trasporti (-180 milioni).

Print Friendly, PDF & Email

Translate »