energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Partecipate:“Perdita aumentata di 18 volte in un anno” Politica

“In un anno la Regione non è riuscita né a liberarsi delle partecipazioni non strategiche, né a contenere i danni: nel 2011 la perdita è aumentata di 18 volte rispetto al 2010”. E’ quanto dichiarano i consiglieri regionali Marina Staccioli (Gruppo Misto), Giovanni Donzelli e Paolo Marcheschi (Fratelli d’Italia) “Se nel 2010 il portafoglio delle partecipate regionali aveva fatto registrare una perdita di 305mila euro – spiegano i consiglieri – nel 2011 la Giunta si ritrova con un risultato complessivo pari a – 5,7 milioni di euro”. “Sul fronte della dismissione delle quote regionali – continuano – siamo ancora ad un niente di fatto, ad eccezione del (tormentato) caso Toremar. C’è voluto un anno, da fine 2010 a novembre 2011, per dare il via alla cessione delle azioni di sei società, tra cui Firenze Parcheggi, Etruria Innovazione e Consorzio Pisa Ricerche. Tutte le aste sono andate deserte, tranne quella per l’Autocamionabile della Cisa, che ha fruttato 7.800 euro”.

“A questo punto – aggiungono Donzelli, Marcheschi e Staccioli – la Regione ha cercato di affibbiare le proprie quote ai soci delle stesse società al prezzo posto a base d’asta, ma nessuno le ha volute comunque. In compenso ha acquistato ulteriori diritti su Ala Toscana, Fidi Toscana, Internazionale Marmi e Macchine Spa e ha ricomprato una quota del 5% di AdF, la società che gestisce l’aeroporto di Firenze”.

“Resta ancora da sciogliere il caso di cooperative e consorzi agricoli ex Etsaf – ricordano – a cui tuttora la Regione Toscana partecipa per un impegno complessivo di circa 2 milioni di euro: se tutto va bene la Regione uscirà dalle prime 8 cooperative (su 43) nel 2014”. In merito alla situazione delle partecipate Staccioli ha già presentato un’interpellanza. “La Giunta si liberi dai carrozzoni”, concludono i consiglieri.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »