energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Fiorentina da infarto, ma la Champions diventa sempre più vicina Sport

Tanta sofferenza ma obiettivo raggiunto. La Fiorentina batte il Torino 4-3 e si porta a -1 dal Milan che questa sera sfiderà la capolista Juventus.
Gara di infarto all'Artemio Franchi. I viola si portano fino al 3-0, ma i granata riescono a recuperare fino al 3-3. Solo all'ultimo la squadra di Montella trova con Romulo il gol che le consente di ottenere 3 punti davvero preziosi.

PRIMO TEMPO: ben 4 reti in un primo tempo ricco di emozioni. Il Toro si fa vedere sono nei minuti iniziali e finali, nel mezzo tanta Fiorentina.
La prima occasione è infatti per i granata. Santana arriva sul fondo e crossa a rimorchio per Cerci che calcia a botta sicura trovando per la deviazione provvidenziale di Gonzalo.
La Fiorentina reagisce subito, e al primo vero affondo sblocca la partita. Ljajic cambia fascia per Cuadrado, il colombiano finta di andare sull'esterno ed entra in area, vede Gillet uscire e lo supera con un pallonetto delizioso. Gol da applausi e Fiorentina in vantaggio.
Il momento è propizio per i viola che spingono sull'acceleratore e trovano quasi subito il gol del raddoppio. Cross da destra di Valero e stacco vincente di Aquilani che con un gran colpo di testa firma il 2-0.
Il Toro non ha le forze per reagire, la gara è a senso unico. Perfetto il possesso palla dei viola che giocano con calma senza mai rischiare niente. E così alla mezz'ora arriva anche il terzo gol. Il colpo del ko lo sigla Ljajic su calcio di punizione. Magistrale l'esecuzione del 22 viola che scavalca la barriera e infila il pallone sotto l'incrocio.
Il 3-0 rilassa però i viola e infatti prima del duplice fischio i granata accorciano le distanze. Palla persa da Valero che favorisce Santana, l'ex di turno arriva al limite e serve un assist perfetto a Barreto che non può fallire.

SECONDO TEMPO: Ventura deve aver alzato la voce, e non poco, durante l'intervallo e infatti il Toro che torna in campo è una squadra trasformata. I granata alzano il baricentro, e al 10' riaprono meritatamente la gara. Il 3-2 lo firma Santana con una conclusione potente ma non eccessivamente angolata.
I viola accusano il colpo, commettono molti più errori senza riuscire a creare gioco come nel primo tempo.
Montella corre così ai ripari e sostituisce Ljajic con Mati Fernandez per avere più equilibrio a centrocampo. Il tecnico viola ottiene quanto desiderato, ma la Fiorentina continua a faticare in fase offensiva. Pochi minuti più tardi è poi il turno di Romulo che prende il posto di uno stanco Aquilani.
I viola non riescono comunque più a controllare la partita e il Toro al 25' sfiora il pari con il neo entrato Bianchi. Gran colpo di testa del centravanti granata, e super parata di Viviano che salva respingendo di pugno.
La viola è alle corde, ma ha uno scatto d'orgoglio con Cuadrado che dopo aver saltato due uomini calcia di un soffio a lato. Fiorentina vicinissima al quarto gol, ma come spesso accade nel calcio, chi sbaglia paga.
Sul ribaltamento di fronte Cerci recupera palla e da fuori area trova un gran gol con un sinistro a giro sul secondo palo: 3-3 e Franchi gelato.
Allo stadio regna l'incredulità, ma pochi minuti dallo scadere la Fiorentina trova lo spunto vincente per portare a casa i tre punti. Mati Fernandez difende palla al limite d'area e trova un varco per l'inserimento di Romulo che solo contro Gillet non sbaglia e fa esplodere i 35mila tifosi viola presenti.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »