energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Pegaso per lo Sport 2012: prima selezione avvenuta Sport

Una prima selezione è avvenuta: dicono addio al Pegaso per lo Sport 2012, in rigoroso ordine alfabetico, il canottiere Lorenzo Bertini, il pugile Leonard Bundu, il tiratore a segno Niccolò Campriani, lo schermidore Aldo Montano, l’arciere Sergio Pagni, la velista Alessandra Sensini e, tra le squadre il CGC Viareggio campione d’Italia di hockey. Come previsto dal regolamento restano in cinque, che saranno portati tra pochi giorni a tre in vista della decisione finale, con consegna del premio il 14 febbraio a Firenze, che spetterà alla stessa persona che deciderà in quali mani finirà il riconoscimento, ovvero Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana. Ecco nello specifico nomi e successi di chi può sognare ancora il titolo di sportivo dell’anno in Toscana: Matteo Betti da Siena, argento nella spada ai Mondiali per disabili di scherma; Marta Pagnini da Prato, campionessa mondiale di ginnastica ritmica; Stefano Tempesti da Prato, campione mondiale nella pallanuoto; Mens Sana Monte dei Paschi Siena, campione d’Italia di basket per il quinto anno consecutivo e vincitrice della Supercoppa Italiana; Acf Fiorentina, vincitrice di Coppa Italia e Supercoppa Italiana con la Primavera e campione d’Italia con i Giovanissimi. Atleti e squadre di spicco per la Toscana e non solo: Betti, Pagnini e Tempesti sono destinati ai Giochi Olimpici di Londra, al via alla fine di luglio, e faranno parte di quelle frecce nell’arco della spedizione azzurra in grado di puntare ad una medaglia; la Mens Sana Siena dopo quindici giornate, come ormai da sei anni a questa parte, è in testa al campionato e ancora in corsa in Eurolega, e pur non apparendo più la schiacciasassi dell’ultimo lustro (il ruolino parla già di 4 sconfitte subite nel corso del torneo italiano) non guarda con particolare timore le avversarie che potrebbero scipparla del sesto scudetto consecutivo, mentre i Primavera viola, ancora impegnati nella fase a gironi, dopo 13 turni sono secondi, a 5 punti dalla capolista Juventus, a +4 punti sul Livorno terzo, con la terza difesa assoluta tra tutti e tre i gironi, 11 reti appena al passivo come Inter e Roma, dietro solo a Reggina e Chievo (9 e 10 reti subite). I risultati e i numeri dunque parlano chiaro, chi è in corsa si merita di esserlo ancora, così come avrebbero meritato di esserlo gli esclusi. Al governatore Rossi l’ardua sentenza. E che vinca il migliore. Non solo della Toscana…

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »